Il trailer di Homeland 8 chiude il cerchio intorno a Carrie tra vuoti di memoria e tradimenti

Il primo trailer di Homeland 8 alza il velo sull'ennesimo problema per Carrie ma la risoluzione di un caso la attende, sarà in grado di affrontare tutto?

1
CONDIVISIONI

Il conto alla rovescia può ufficialmente iniziare con il trailer di Homeland 8. Lo spy drama più famoso e coinvolgente degli ultimi anni sta per terminare la sua corsa proprio su Showtime negli Usa dove dal 9 febbraio andranno in onda gli ultimi episodi. Il cerchio si chiude intorno all’unica protagonista della serie, la bella e folle Carrie, che dopo un periodo di stabilità, si trova di nuovo con le spalle al muro e questa volta dalla parte opposta a quella degli Stati Uniti che ha sempre cercato di proteggere, davvero lei è la villain di questa ottava e ultima stagione o, ancora una volta, è un complotto quella che la tiene appesa ad un filo?

Il trailer di Homeland 8 mostra la fuga di Carrie, un inseguimento e una serie di frammenti che compongono la memoria della nostra protagonista che, come lei stessa rivela in un frame, sembra aver dimenticato cosa sia successo negli ultimi sette mesi della sua vita. L’ultima stagione riparte da qui ricostruendo a ritroso quello che è successo a Carrie svelando se davvero è stata lei ad ordire un nuovo piano terroristico contro la sua stessa Patria oppure no.

Ecco il primo trailer di Homeland 8:

Nel primo promo di Homeland 8, l’agente dell’intelligence della CIA Carrie Mathison si sta riprendendo da mesi di brutale reclusione in un gulag russo dove è finita in seguito alla sua missione per aiutare a porre fine alla guerra in Afghanistan e dove il consigliere per la sicurezza nazionale Saul Berenson ( Mandy Patinkin ) è stato inviato per ingaggiare i talebani nei negoziati di pace. Adesso la lealtà di Carrie viene messa in discussione, proprio come successe nella prima stagione a Nicholas Brody, disperso in azione e tornato a casa dopo otto anni di prigionia in Iraq, per mano della stessa agente.

La memoria della protagonista è frantumata e non riesce a mettere insieme tutto quello che è successo in questi sette mesi di prigionia e così nel promo le sentiamo dire “Ho perso sette mesi della mia vita” e ancora “Mi state accusando di qualcosa?”. Proprio colui che si occupa del suo interrogatorio poi rilancia: “Come puoi essere così sicura di non aver fatto niente se ci sono 180 giorni della tua vita che non ricordi?”. Nonostante questo, Saul ha bisogno di lei per un trattato di pace e le chiede ancora una volta a lei di “addentrarsi con lui nella tana del leone” a Kabul che “pullula di signori della guerra e mercenari, zeloti e spie”. Un’ultima missione attende Carrie in Homeland 8 ma questo le permetterà di fare i conti con quello che ha dimenticato?

Nel cast di Homeland 8, insieme a Claire Danes e Mandy Patinkin, troveremo anche Beau Bridges (nel ruolo del neoeletto presidente Warner), e poi Maury Sterling, Linus Roache e Costa Ronin. A loro si uniranno due volti noti che tornano regular ovvero Nimrat Kaur e Numan Acar. Il resto lo scopriremo quando la serie andrà in onda con i suoi ultimi episodi.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.