A che punto sono le antenne Iliad: le zone più e meno coperte d’Italia

Non ancora alle spalle i problemi di copertura Iliad: il punto sulle nuove antenne

11
CONDIVISIONI

Com’è la situazione antenne Iliad in Italia? Non troppi giorni fa vi avevamo parlato dell’assenza di copertura in alcune regioni italiane, cosa che aveva gettato un po’ nello sconforto i relativi conterranei. Il quarto gestore nazionale sta cercando di correre ai ripari, costruendo, giorno dopo giorno, la propria impalcatura di rete. Come riportato da ‘UniversoFree.com‘, gli impianti proprietari sono in totale 1205 (l’ultimo aggiornamento risale al 10 novembre, ed è quindi recentissimo). Il ritmo di lavoro è molto alto: non sappiamo se l’operatore riuscirà a mantenersi a questi livelli. Nel caso, sarebbero più di 400 le nuove attivazioni su base mensile (numeri abbastanza elevati, che andrebbero un po’ a calmare le lacune che purtroppo ad oggi la fanno ancora da padrona).

Sono 6 le regioni italiane al momento scoperte: Basilicata, Sardegna, Molise, Calabria, Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige (niente affatto poche per farla breve). Le ultime attivazioni effettuate hanno rinforzato la rete laddove gli impianti erano già presenti, ed in maniera particolare in Lombardia, in Emilia Romagna e nel Veneto per quanto riguarda la parte settentrionale, ed in Puglia, Lazio e Campania relativamente alla zona centrale e meridionale della Penisola. Nel resoconto finanziario aggiornato al 30 giugno 2019 Iliad aveva fatto sapere che erano 2400 gli impianti attivi, a dimostrazione del fatto che la crescita c’è effettivamente stata (anche se è ancora poco per tenere testa ai tanti problemi sparsi nel territorio nazionale).

Al di là della rete proprietaria, che è il primo grande obiettivo del gestore di origini francesi, ricordiamo che la copertura per gli utenti Iliad è assicurata anche dal roaming sulla rete Wind Tre (non sempre brillante a dire la verità). L’impegno c’è, ma in alcune zone ancora non si sente: staremo a vedere quanto il provider impiegherà per garantire una copertura accettabile in tutto il territorio italiano.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.