Come scaricare EMUI 10 beta su Huawei P20 e P20 Pro in Italia: la guida

Come fare subito richiesta dell'EMUI 10 beta su Huawei P20 e P20 Pro no brand Italia

19
CONDIVISIONI

Saranno 400 gli utenti a poter prendere parte al programma beta che si è da poco aperto in Italia per i possessori dei Huawei P20 e P20 Pro (bisognerà che il dispositivo in questione corrisponda ad un no brand). Se rispondete a questi requisiti vi starete senz’altro chiedendo come fare per aderire, così da scaricare anzitempo l’upgrade. In realtà la procedura è molto semplice, siamo lieti di condividerla con voi attraverso le istruzioni a seguire.

La prima cosa da fare per testare in anteprima la beta di EMUI 10 con Android 10 su Huawei P20 e P20 Pro è scaricare l’app ‘Huawei Beta Test‘, per poi loggarvi attraverso le credenziali del vostro Huawei ID (aggiungete anche l’indirizzo di posta elettronica ed il numero di telefono). Accedere alla sezione ‘Personale‘ (che troverete in basso) e cliccate su ‘Partecipa al progetto‘, selezionando la voce ‘Progetto disponibile‘.

Non appena la beta sarà effettivamente disponibile sui vostri Huawei P20 e P20 Pro fareste meglio ad effettuare un backup recente dei dati prima di procedere all’installazione. Tenete anche a mente che, pur parlando di EMUI 10 con Android 10, l’aggiornamento in questione resta comunque una beta, e che quindi potrebbe essere soggetta ad una lunga sfilza di problemi. Siete disposti a correre il rischio? Bene, non abbiamo altro da aggiungere a riguardo. La chiusura del programma beta per Huawei P20 e P20 Pro è fissata per il 21 novembre: se tutto va come deve la versione finale dell’aggiornamento con EMUI 10 basata su Android 10 potrebbe arrivare già per gennaio 2020 (è una nostra supposizione, che potrebbe anche non corrispondere ai fatti concreti). Riteniamoci già soddisfatti del percorso fatto finora da questi dispositivi, che ricordiamo non essere più da un pezzo i top di gamma in carica (sono stati degnamente sostituiti dagli attuali Huawei P30 e P30 Pro, ormai già da tanti e tanti mesi).

Commenti (4):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.