Presto la beta di Android 10 per Samsung Galaxy Note 9 (forse anche per i Galaxy S9)

Il Samsung Galaxy Note 9, e forse anche i Galaxy S9, stanno per ricevere la beta di One UI 2.0 con Android 10

Potrebbe essere arrivato il momento per il Samsung Galaxy Note 9 di ricevere la beta di One UI 2.0 con Android 10. Come riportato da SamMobile, sono settimane ormai che la beta è arrivato sui Samsung Galaxy S10, vedendo poi esteso il proprio supporto al Galaxy Note 10. Era lecito aspettarsi che presto o tardi sarebbe toccato anche al Samsung Galaxy Note 9, che da ha poco iniziato a ricevere anche la patch di sicurezza di novembre 2019 per la correzione di alcune vulnerabilità specifiche (relative anche ai Samsung Galaxy S9 e S9 Plus) che lo hanno esposto a diversi attacchi informatici.

Il produttore asiatico pare proprio si stia accingendo a farlo in quanto è stato individuato un firmware che ne suggerisce l’idoneità relativamente al programma beta (cosa che dovrebbe accadere anche nell’ambito dei Galaxy S9). Era il mese scorso quando si era parlato del fatto che l’OEM avesse già iniziato a testare Android 10 per il Samsung Galaxy Note 9, anche se la società non lo ha confermato direttamente.

La versione del firmare risponde alla sigla N960FXXU4ZSK2, che dovrebbe identificarsi come la prima beta destinata al phablet di punta dello scorso anno (che resta tra i migliori smartphone in circolazione). Dovrebbe essere questione di pochi giorni prima che la compagnia confermi ufficialmente che il Samsung Galaxy Note 9 è idoneo a ricevere la beta. Lo stesso discorso potrebbe essere fatto per i Galaxy S9 nel prossimo futuro. Quanto siete entusiasti di essere sul punto di veder arrivare la beta a bordo dei vostri Samsung Galaxy Note 9? La soddisfazione sarà molta, anche se immaginiamo che prima di gridar vittoria vorrete sincerarvi in prima persona che le cose vadano effettivamente in questo modo. Raccontateci, se vi va, quelle che sono le vostre impressioni attuali attraverso il box dei commenti in basso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.