Mette piede in Italia il Redmi 8: l’entry-level dei vostri sogni

Finita l'attesa per il Redmi 8: l'entry-level mette piede in Italia al prezzo di 169.90 euro

30
CONDIVISIONI

Dopo il Redmi Note 8T, di cui abbiamo provveduto ad approfondire ieri il discorso relativo, non poteva che arrivare il turno del Redmi 8, uno degli entry-level più attesi in assoluto. Il device monta uno schermo LCD IPS da 6.22 pollici con risoluzione HD+ (1520 x 720 pixel), ed è spinto dal processore Snapdragon 439 (octa-core con scheda grafica Adreno 505). La configurazione hardware prosegue con 4GB di RAM e 64GB di ROM (questa l’unica disponibile per l’Italia), ed una fotocamera principale composta da un sensore da 12MP (apertura f/1.8, pixel da 1.4µm, tecnologia Dual Pixel PDAF) e da un secondo da 2MP (per la raccolta dei dati sulla profondità di campo). La fotocamera frontale include un unico sensore da 8MP (apertura f/2.0).

Le connettività di cui il Redmi 8 è provvisto sono il 4G LTE DualSIM, il Wi-Fi 802.11 b/g/n, il Bluetooth 4.2, l’A-GPS con GLONASS e GALILEO, oltre che la porta infrarossi, la radio FM, l’USB-C ed il lettore di impronte digitali collocato lungo la parte posteriore. La batteria, che è poi la vera forza di questo dispositivo, dispone di un amperaggio di 5000mAh, con supporto alla ricarica rapida a 18W via cavo. Le dimensioni generali sono pari a 156.5 x 75.4 x 9.4 mm distribuite in 194 gr. di peso, mentre la gestione software è stata affidata ad Android 9 Pie con MIUI 10 (naturalmente aggiornabile all’ultima MIUI 11).

Il Redmi 8, nelle colorazioni blu, rossa e nera, ha un prezzo di 169.90 euro. Lo avrete di certo capito anche voi, si tratta di un dispositivo da non lasciarsi scappare, specie se non pretendete prestazioni massime e se tendete a spremere la batteria del vostro smartphone come se non ci fosse un domani. Un entry-level, questo, che potrebbe benissimo trovare collocazione anche tra i device di fascia media senza sfigurare: siete d’accordo anche voi?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.