Alessio Boni sarà Enrico Piaggio, le sue forti parole in conferenza stampa: “Oggi si nascondono tutti dietro ad un pc”

Alessio Boni sarà Enrico Piaggio per Rai1, ecco le sue parole in conferenza stampa

60
CONDIVISIONI

Alessio Boni non usa mezzi termini parlando del suo Enrico Piaggio, un’altra eccellenza italiana presto al centro di un film per la tv fortemente voluto dalla Rai. Toccherà proprio all’attore reduce dal successo de La Strada di Casa 2 tornare in onda martedì sera proprio vestendo i panni dell’imprenditore italiano passato alla storia con il suo “sogno” a due ruote. La prima a prendere parola in conferenza stampa è stata Eleonora Andreatta che ha subito spiegato il perché di questo progetto e i momenti centrali che gli hanno permesso di inserirlo in una collana di film  basati proprio sui grandi “imprenditori visionari”:

“Piaggio è sicuramente un personaggio estremamente simbolico del passaggio dell’Italia dalla guerra alla rinascita. Questo racconto è un racconto che utilizza diversi generi, usa un cornice che è il racconto di un grande film che nasce, Vacanze Romane, di cui la Vespa diventerà il simbolo della Dolce Vita nel mondo. All’interno di questa cornice, c’è l’uomo visionario come Piaggio che ha l’obiettivo di creare nuova ricchezza. E’ un bellissimo racconto con un grande cast”.

Le parole più sconvolgenti però arrivano dal suo protagonista Alessio Boni chiamato a vestire proprio i panni di Enrico Piaggio e pronto ad inveire contro gli imprenditori moderni e a chi continua a vivere puntando sul proprio io e poco sul noi:

“Abbiamo un po’ di nostalgia nei confronti di questi italiani… 30 anni fa, uno che falliva, si suicidava… Oggi, uno che fallisce, se ne va in giro tranquillamente senza ritegno… L’uomo è un animale sociale, ha bisogno dell’altro. Insieme, si creano energie potenti. Ora, si nascondono tutti dietro ad un computer…Le persone che fanno tutto solamente per denaro, mi annoiano. Essere economicamente più forte dell’altro è una lotta inutile”.

Ancora una volta l’attore torna poi sull’argomento denaro chiudendo: “Il marchio Piaggio è ancora tutto italiano. Dovremmo essere molto più orgogliosi del nostro artigianato e difenderlo con i denti. Davanti al denaro, però, purtroppo, tutti si inchinano…”. Siamo sicuri che il personaggio di Enrico Piaggio lo abbia colpito molto proprio per la sua indole da sognatore e da visionario che gli ha permesso di essere quello che ancora oggi è per tutti, un grande imprenditore ma non per i soldi accumulati ma per aver lasciato il segno nella storia italiana, e non solo.

Enrico Piaggio – Un Sogno Italiano andrà in onda martedì 12 novembre 2019, in prima serata su Rai 1, a partire dalle ore 21:25, con la regia di Umberto Marino raccontando “la storia di un imprenditore di successo e di un’idea capace di rilanciare la vita economica e civile del Paese che, dopo la tragedia della guerra, vuole rialzare la testa e farsi riconoscere per le sue qualità”. Il film tv sarà ambientato proprio nell’Italia del dopoguerra colpita dalla crisi economica così come l’azienda di Rinaldo Piaggio, padre di Enrico. Proprio quest’ultimo, per evitare il tracollo definitivo inventò la vespa insieme a Corradino D’Ascanio, ingegnere aeronautico che avrà il volto di Roberto Ciufoli. La sceneggiatura è firmata da Francesco Massaro, Roberto Jannone e Franco Bernini.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.