Più stagioni di The Witcher su Netflix? La showrunner ha idee per altri sette anni

The Witcher su Netflix potrebbe durare per un totale di sette stagioni? La showrunner ha grandi aspettative sul futuro della serie

2
CONDIVISIONI

Se The Witcher su Netflix si rivelerà un gran successo, la serie basata sui romanzi di Andrzej Sapkowski potrebbe proseguire ben oltre la prima stagione. Certo, manca ancora un mese al debutto, ed è ancora presto per pensare al suo futuro, ma la showrunner Lauren S. Hissrich sembra avere le idee abbastanza chiare.

In una recente intervista, la produttrice e sceneggiatrice ha affermato che sarebbe un peccato sprecare tutto e concentrare la narrazione in una singola stagione:

Ho delineato storie per sette stagioni. Adesso si tratta solo di pensare, ‘Come prepariamo storie in grado di catturare davvero gli spettatori per gli anni a venire?’ La cosa peggiore che potremo fare è spendere tutte le nostre energie in una sola stagione, senza pensare a come potrebbero crescere questi personaggi.

Questo ovviamente non conferma il rinnovo per stagioni future, ma la showrunner accende le speranze per un possibile sequel. The Witcher su Netflix sarà un adattamento live-action dell’omonima saga fantasy ideata da Andrzej Sapkowski, e vede Henry Cavill nei panni di un solitario cacciatore di mostri, Geralt of Rivia. Nel cast anche Anya Chalotra nel ruolo della formidabile strega Yennefer of Vengerberg, e Freya Allen che interpreta la giovane principessa Ciri.

La storia è il racconto epico di una famiglia e del suo destino. La trama ruota intorno al protagonista interpretato da Henry Cavill, che lotta per trovare il proprio posto in un mondo in cui le persone spesso si dimostrano più malvagie delle bestie. Il suo destino si intreccerà poi con quello di una potente strega e una giovane principessa con un pericoloso segreto. I tre si ritroveranno ad attraversare insieme un mondo sempre più instabile.

La prima stagione di The Witcher su Netflix è composta da otto episodi ed è direttamente ispirata alla saga letteraria sopra citata, in particolare sul libro Il Guardiano degli Innocenti. La Hissrich ha spiegato che si tratterà di una produzione rivolta a un pubblico di adulti e che, al contrario di come possa sembrare, non si tratterà di una tentata imitazione de Il Trono di Spade.

La showrunner ha inoltre specificato che la serie The Witcher su Netflix si baserà solo ed esclusivamente sugli scritti di Sapkowski, il quale ha già letto i copioni e si è confrontato con lei. Al contrario, il materiale non trarrà ispirazione sulla trilogia di celebri videogiochi omonimi, sviluppati dalla polacca CD Projekt RED.

Posso solo adattare una stagione alla volta, e sono così entusiasta per questa. Adesso pensare al resto mi fa esplodere la testa. Se qualcuno mi dicesse, ‘Cosa succede nella settima stagione?’ Sì, ho qualche idea… ma se riusciamo ad arrivarci, incrociamo le dita.

The Witcher è stato presentato nel corso del Comic-Con di San Diego e successivamente mostrato in anteprima al Lucca Comics di quest’anno. Henry Cavill ha dichiarato di essere un fan accanito del franchise: “Sono un giocatore. Mi sono sempre appassionato ai videogiochi e ho pensato, ‘Spero davvero che facciano una serie TV o un film su The Witcher.”

Per la gioia degli amanti del binge watching, la prima stagione di The Witcher verrà pubblicata su Netflix il prossimo 20 dicembre.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.