L’universo freak e disturbante di Knebel, il nuovo singolo dei Lindemann (video, testo e traduzione)

Il frontman dei Rammstein non si smentisce: il suo essere estremo riesce a rendersi poetico

4
CONDIVISIONI

Le prime note di Knebel rievocano atmosfere bucoliche: una chitarra dignitosamente country apre il nuovo singolo dei Lindemann e per il primo minuto viviamo l’illusione di un brano soft, suggestivo come la Germania più verace e montuosa.

Non dimentichiamo, però, che stiamo parlando del progetto parallelo del frontman dei Rammstein, che nel 2015 ha messo in piedi un duo industrial metal insieme allo svedese Peter Tägtgren degli Hypocrisy e dei Pain. Oggi il super progetto è giunto al secondo album in imminente uscita, F&M, seguito ideale di Skills In Pills (2015). Ciò che dobbiamo accettare è che il mondo di Lindemann è costellato di freak cannibali, creature grottesche e affamate, fabbricati decadenti e paradossi sessuali.

Non siamo certo nuovi al continuo osare di Till, del resto gli stessi Rammstein sono stati in grado di esplorare il mondo della pornografia nel video ufficiale di Pu**y o di interpretare spietati malavitosi in Du Hast, oltre al delirio blasfemo e decisamente fuori controllo di Mein Teil. In Knebel non ascolteremo le chitarre titaniche di Richard Kruspe e Paul Landers, ma se attendiamo la seconda parte del brano sì, il muro sonoro e violento arriva.

Lindemann
  • F&m
  • Linemann

Il video è l’ennesima prova superata dell’horror necromantico che, a quanto pare, ossessiona il vecchio Till al punto di esser divenuto il suo marchio di fabbrica. Il cantautore tedesco compare in ghingheri dentro le rovine di un fabbricato, a mollo in acque limacciose. Può farci un po’ di insulsa tenerezza, se vogliamo, perché ci ricorda il personaggio interpretato nel videoclip di Mutter dei Rammstein, ma ricordiamo: stiamo parlando del nuovo singolo dei Lindemann e dobbiamo prepararci al peggio.

Arriva un’anguilla e Till la addenta viva. Arriva una donna e i due si abbandonano in un amplesso feroce e cannibale. Semplicemente e naturalmente, inopinatamente Till Lindemann in splendida forma. Provocatorio e violento, maledetto e freak, sa sempre presentarci il suo inferno che non risulta mai scontato. Tutto è distorto e disturbante, eppure dobbiamo parlare di preciso disordine di cose che nessuno saprebbe schematizzare se non conoscesse a fondo il mondo parallelo del cantautore di Lipsia.

Il tour del power trio partirà da febbraio 2020 e per il momento non sono previste date in Italia. Il nuovo singolo dei Lindemann è il terzo estratto da F&M dopo Steh Auf e Ich Weiss Es Nicht. L’album uscirà il 22 novembre e sarà cantato interamente in tedesco – Skills In Pills era in lingua inglese – ed è nato a seguito di una collaborazione di Till Lindemann con il teatro Thalia di Amburgo per una trasposizione della fiaba Hänsel & Gretel.

Per l’occasione Till Lindemann ha firmato 5 brani che faranno parte della tracklist di F&M insieme ad altre 6 canzoni. Il video di Knebel è presente su YouTube in versione censurata, in quanto le immagini originali mostrano parti intime e atti sessuali oltremodo sconsigliati ai minori o alle persone impressionabili.

Di seguito riportiamo il testo, la traduzione e il video ufficiale (nella versione censurata) del nuovo singolo dei Lindemann, l’ennesimo colpo di frusta a ogni convenzione e ad ogni regola.

Ich mag die Sonne, die Palmen und das Meer
Ich mag den Himmel schauen, den Wolken hinterher
Ich mag den kalten Mond, wenn der Vollmond rund
Und ich mag dich mit einem Knebel in dem Mund

Ich mag volle Gläser, die Straßen wenn sie leer
Ich mag die Tiere, Menschen nicht so sehr
Ich mag dichte Wälder, die Wiesen blühen sie bunt
Und ich mag dich mit einem Knebel in dem Mund

Das Leben ist einfach, einfach so schwer
Es wäre so einfach, wenn es einfacher wär
Ist alles Bestimmung, hat alles seinen Grund
Und du bist ganz still, hast einen Knebel in dem Mund

Ich mag leichte Mädchen und weine wenn sie schwer
Ich mag deine Mutter, den Vater nicht so sehr
Ich mag keine Kinder, ich tue es hier kund
Und ich mag dich mit einem Knebel in dem Mund

Ich mag die Tränen auf deinem Gesicht
Ich mag mich selber, mag mich selber nicht
Das Herz ist gebrochen, die Seele so wund
Und du schaust mich an mit einem Knebel in dem Mund

Das Leben ist traurig, das Leben ist schwer
Ich würde es mögen, wenn es einfacher wär
Die Welt dreht sich weiter, die Erde ist rund
Um dich dreht sich nichts, hast einen Knebel in dem Mund
In dem Mund – ja!

Ich hasse dich
Ich hasse dich
Ich hasse dich
Ich hasse dich

Leben ist einfach, einfach so schwer
Es wäre so einfach, wenn es einfacher wär
Ist alles Bestimmung, hat alles seinen Grund
Und du bist ganz still, hast einen Knebel in dem Mund
In dem Mund

TRADUZIONE

Mi piacciono il sole, le palme e il mare,
Mi piace guardare il cielo, dietro le nuvole
Mi piace il freddo della luna, quando è piena
e mi piaci tu, con un bavaglio in bocca.

Mi piacciono i bicchieri pieni, le strade quando sono vuote
Mi piacciono gli animali, le persone un po’ meno.
Mi piacciono le fitte foreste, i prati che fioriscono in tanti colori
e mi piaci tu, con un bavaglio in bocca.

La vita è semplicemente difficile
Sarebbe facile se fosse più facile
Se tutto è scritto, tutto ha una ragione
e tu sei tanto silenzioso, hai un bavaglio in bocca

Mi piacciono le ragazze facili e piango quando sono difficili,
Mi piace tua madre, non tanto tuo padre.
Non mi piacciono i bambini, lo dichiaro,
e mi piaci tu, con un bavaglio in bocca.

Mi piacciono le lacrime sul tuo viso.
Mi piaccio, non mi piaccio.
Il cuore è infranto, l’anima tanto ferita
E mi guardi con quel bavaglio in bocca.

La vita è triste, è dura:
mi piacerebbe se fosse più facile.
Il mondo continua a girare, la terra è rotonda.
Nulla ti gira intorno: hai un bavaglio in bocca.
In bocca, sì!

Ti odio
Ti odio
Ti odio
Ti odio

La vita è semplicemente difficile
Sarebbe facile se fosse più facile
Se tutto è scritto, tutto ha una ragione
e tu sei tanto silenzioso, hai un bavaglio in bocca, in bocca.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.