Uso dei cellulari nei concerti, Renato Zero sbotta a Roma dopo Ermal Meta, Madonna lancia il divieto

Renato Zero si adira sull'uso dei cellulari nei concerti con un lungo rimprovero per i fan della prima data

519
CONDIVISIONI

Sull’uso dei cellulari nei concerti si è già fatto un gran parlare. Giusto o no, il loro impiego rimane a discrezione degli spettatori, che spesso ne fanno un uso smodato senza godersi lo spettacolo che hanno di fronte.

L’ultimo a sollevare la polemica sull’uso degli smartphone durante i concerti è stato Renato Zero, quasi accecato dai flash dei tanti sorcini che erano desiderosi di portare a casa un ricordo del primo concerto dell’annata di Zero Il Folle, ora al Palazzo Dello Sport di Roma per le date tutte sold out.

La richiesta di posare i cellulari era già arrivata all’inizio dello spettacolo che Renato Zero ha dedicato a Zero Il Folle, con una voce fuori campo che invitava a godersi il concerto senza fare uso dello smartphone per riprendere o fotografare lo show.

Appello vano, quello dell’artista romano, che ha invece interrotto la sua esibizione in Vivo per invitare a mettere via i dispositivi elettronici e guardare il concerto con i propri occhi e non attraverso una lente.

“Basta con i cellulari, vi prego. È una crocifissione. Siete venuti qui per Renato, non per fare i cameramen. Metteteci l’anima e la memoria, non queste caz****”

L’abuso di tecnologia negli ultimi singoli di Renato Zero

La battaglia del Re dei Sorcini nei confronti della troppa tecnologia ha radici ataviche ma si ripresenta anche negli ultimi singoli estratti da Zero Il Folle. Mai Più Da Soli è infatti un’invettiva contro l’uso incontrollato dei social che hanno compromesso le relazioni umane, argomento ripreso anche nel videoclip ufficiale di La Vetrina, nel quale un giovane coinvolto in un incidente si preoccupa maggiormente del suo smartphone che della sua salute, così come coloro che hanno assistito all’accaduto.

Il rimprovero nel bel mezzo del concerto non arriva di certo inaspettato per tutti coloro che hanno preso parte alla prima del tour, dal momento che Renato Zero non ha mai fatto mistero di non gradire i troppi flash e i cellulari branditi come corpi contundenti durante il live.

Sull’argomento, sono già tanti gli artisti a essersi espressi. Uno di questi è Ermal Meta, da sempre riluttante all’uso eccessivo dei cellulari durante i concerti. L’artista di Fier era infatti intervenuto sui social al termine di un concerto tenuto nell’ambito del Non Abbiamo Armi Tour nel 2018.

“C’è gente che mi scrive di essere rimasta con l’amaro in bocca perché dopo il “bellissimo ed emozionante” concerto non mi sono fermato a fare le foto. Vorrei dire con grande serenità a tutti i delusi dell’ultima ora che non si va ai concerti per poi esibire un trofeo fotografico sul proprio social, ma per vivere un’esperienza. Mettete giù sti telefoni e godetevi le esperienze.
Un abbraccio a tutti, con affetto”.

Madame X (Cd Deluxe)
  • Madonna, Madame X (Cd Deluxe)
  • Universal Music

L’iniziativa phone free del tour di Madonna per Madame X

C’è chi si spinge ben oltre gli appelli, come Madonna, che ha addirittura deciso di imporre il divieto di utilizzo dei dispositivi elettronici. L’iniziativa è stata lanciata in occasione del tour per Madame X e si basa sull’utilizzo di una custodia molto speciale che consente di tenere con sé il proprio cellulare ma ne impedisce l’utilizzo attraverso un lucchetto proprietario. Il dispositivo è comunque utilizzabile, fuori dal luogo del concerto, tenendolo silenzioso o in modalità vibrazione.

I partecipanti ai live di Madonna sono stati avvisati dell’iniziativa attraverso una dettagliata mail di Ticketmaster, nella quale si spiegavano tutte le misure atte a bandire gli smartphone dai concerti attraverso il dispositivo Youndr.

“Questo evento sarà un’esperienza ‘phone free’. L’uso di dispositivi smart, telecamere e cellulari sarà proibito. Chiunque sia visto in possesso di un cellulare durante l’evento sarà scortato fuori dal concerto”.

Nonostante il divieto imposto, non sono mancati i fan che hanno insistito nel voler riprendere lo spettacolo con telecamere secondarie, suscitando l’indignazione dell’artista che si è detta incredula rispetto al comportamento di alcuni fan, che hanno ignorato il divieto e hanno ripreso lo spettacolo con obiettivi differenti.

Il discorso sull’uso dei cellulari nei concerti è sicuramente molto ampio e non si limita al solo divieto di utilizzo dei dispositivi. Non esiste una giusta misura tra coloro che partecipano agli spettacoli. Sono infatti in molti a trascorrere l’intero live a girare e postare video, ma vi è anche una percentuale di fan che invece si limita a qualche scatto per avere un ricordo del concerto.

Il divieto di utilizzo rimane durante i concerti rimane comunque una decisione drastica, dal momento che ognuno dovrebbe farsi fermare dal buon senso. Dal lato pubblico, è quindi comprensibile l’atteggiamento di voler riprendere ogni momento del concerto del proprio idolo che magari non vedono da anni, ma rimane sgradevole – per gli artisti – essere accecati dai flash durante la performance.

La nostra vita sembra ormai non prescindere dall’utilizzo del cellulare, in ogni momento e a ogni ora del giorno. Il bisogno continuo di condividere immagini, video e momenti vissuti in serenità crea l’illusione di essere eterni. Quella foto, quella clip e quel concerto imprime un attimo che sembra non passare mai ma che è effimero.

Il giusto mezzo, che dovrebbe essere invocato in questi casi, è sempre molto relativo. Ogni spettatore ha un modo di reagire differente, soprattutto se si tratta di gestire le emozioni suscitate da un concerto.

Mettere giù i cellulari, dice Renato Zero, e fosse facile. Predicare bene e razzolare male è un atteggiamento comune ma, d’altro canto, non è semplice sforzarsi per troncare un’abitudine ormai radicata. Provare è invece doveroso, anche per vivere un’esperienza sicuramente diversa da quella alle quali siamo poco abituati.

Giusta e doverosa, invece, la battaglia degli artisti contro l’utilizzo sfrenato dei cellulari durante i concerti, che in qualche modo inficia la qualità dello spettacolo sia per gli artisti ma anche per il pubblico, che spesso si ritrovano ad assistere a uno spettacolo fatto di soli cellulari.

L’appello di Renato Zero sembra che sia stato in parte recepito dai fan che hanno dimezzato l’utilizzo dei dispositivi elettronici nel corso della seconda data del tour che ha tenuto al Palazzo Dello Sport di Roma. Le prossime date del tour romano di Renato Zero sono tutte sold out.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.