Maggie Civantos e Najwa Nimri presentano El Oasis, lo spin-off di Vis A Vis dirà addio a Macarena e Zulema

Prime anticipazioni su El Oasis dalle attrici di Vis a Vis Maggie Civantos e Najwa Nimri

202
CONDIVISIONI

Maggie Civantos e Najwa Nimri sono già in piena promozione di El Oasis, lo spin-off di Vis A Vis di cui sono protagoniste: la nuova serie ispirata all’universo narrativo della saga carceraria di Ivan Escobar, scritta insieme ai creatori de La Casa di Carta Alex Pina ed Esther Martínez Lobato, arriverà sulla Fox spagnola nel 2020 e stavolta segnerà davvero l’addio definitivo alla serie, nelle intenzioni dei produttori.

Già salvata dalla cancellazione di Antena3 dopo le prime due stagioni, Vis a Vis non è stata rinnovata da Fox dopo la quarta, ma i fan in protesta sui social hanno ottenuto la messa in cantiere di un progetto nuovo dedicato alle due protagoniste, Macarena e Zulema, per chiudere il cerchio intorno alle detenute di Cruz del Sur e Cruz del Norte scoprendo la loro vita fuori di galera.

Il progetto dello spin-off El Oasis, nonostante le riprese siano appena iniziate, è già stato presentato alla stampa in Spagna, alla presenza delle due attrici Maggie Civantos e Najwa Nimri, alle prese con i personaggi di Macarena e Zulema che in questo spin-off – dodici anni dopo il finale di Vis a Vis segnato dalla morte della loro compagna Sole – sono fuori dal carcere ed organizzano insieme colpi spettacolari, rubando soldi e preziosi con rapine che occupano le prime pagine dei giornali.

I produttori hanno assicurato che lo spin-off rappresenterà la conclusione definitiva della serie e anche per le due protagoniste si tratta dell’atto finale, quello che era mancato nella quarta stagione e che il pubblico meritava di vedere, come ha spiegato Maggie Civantos in questa intervista alla testata spagnola Vertele.

È qualcosa che abbiamo immaginato già molto prima di leggere la fine della quarta stagione. Macarena e Zulema vivono schiave di una situazione, in un contesto molto particolare in cui è possibile sviluppare un’intimità, che è ciò che non c’è mai stato prima. In Vis a vis vedremo al meglio un’intimità tra queste due donne che si muovono dal buio verso la luce.

La Civantos non era stata presente nelle ultime due stagioni della serie, se non nei primi due episodi della terza e nel finale della quarta, per dedicarsi ad altri progetti come il period drama di Netflix Le Ragazze del Centralino. Ora le due protagoniste di Vis a Vis sono libere e agiscono insieme come partners in crime, con uno scopo comune che è sempre lo stesso: “Sono due squali uniti da un’ambizione verso la libertà” spiega la Civantos, che ha visto il suo personaggio trasformarsi da ingenua truffata per amore a boss del carcere, cambiando natura proprio grazie all’interazione con Zulema che l’ha costretta a maturare uno spirito di sopravvivenza mai avvertito prima.

Per Najwa Nimri le due protagoniste sono ora al culmine di un percorso tracciato già nel corso della serie, un cerchio che però non era stato chiuso.

Nelle ultime due stagioni, sfortunatamente, Macarena non era molto presente. C’era qualcosa che non era stato chiuso. C’era l’eterna promessa che ad un certo punto si sarebbero incontrate. E questo sta succedendo qui, ora. Zulema sente con Maca un senso di normalità che non aveva mai avuto, come una routine. Abbiamo trovato un legame comune e questo è un contributo per il pubblico che è importante approfondire, perché le grandi cose che ti separano possono essere quelli che ti uniscono alla fine.

La rapina che le vede protagoniste di El Oasis, un piano per rubare dei gioielli durante il matrimonio della figlia di un celebre narcotrafficante messicano, non è altro che “un pretesto” per raccontare l’evoluzione della storia di Maca e Zule, anche con diversi flashback che mostreranno cosa è successo alle due detenute fine della quarta stagione all’inizio della trama dello spin-off.

View this post on Instagram

…#visaviseloasis @maggiecivantos

A post shared by Najwa Nimri (@najwanimri) on

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.