Le torte Luppo dalla Turchia contengono pasticche che causano paralisi? Odor di bufala

Dei comuni dolciumi provocano la paralisi? Più di un motivo per non crederci

390
CONDIVISIONI

La notizia o meglio un video relativo a delle presunte torte Luppo provenienti dalla Turchia e imbottite (non di crema) ma di pasticche “parallizzanti” sta circolando sui social in questa giornata del 4 novembre. In particolare su Facebook, il filmato ha fatto incetta di condivisioni: si tratta dell’ennesima bufala allarmistica su un prodotto alimentare o c’è un fondo di verità?

Probabilmente nessuno aveva fin qui sentito parlare di torte Luppo come quelle presenti nel filmato, fino a questo momento. In effetti non esiste un prodotto del genere commercializzato dalle nostre parti: eppure si parla di importazione di questi dolciumi e nella clip divenuta virale si dimostra come all’interno della sfoglia ci siano in realtà delle pasticche. Queste ultime sarebbero in grado di avere effetti paralizzanti sul corpo umano. Va detto immediatamente che, in questo momento, non esiste alcuna conferma di una simile notizia e dunque potremmo essere proprio al cospetto di una nuova bufala.

Nel caso ci fosse un reale allarme alimentare relativo a queste torte Luppo, di certo ci sarebbe una comunicazione del Ministero della Sanità al riguardo. L’ente pubblico è incredibilmente solerte nell’effettuare richiami di prodotti di qualsiasi tipo anche per il minimo rischio, figuriamoci in casi estremi come questo. C’è da dire poi che il prodotto, in quanto non commercializzato dalle nostre parti, sarebbe invece diffuso in terrà asiatica. Dalla Turchia, insomma, non giungerebbe alcun pericolo alimentare nella nostra penisola.

Nella clip video virale, lo stesso riferimento alle torte Luppo fa credere ulteriormente che si tratti di una bufala. Il termine torte appunto è in realtà riferito a delle comuni merendine. Il filmato, accompagnato da una didascalia sui social italiani, non sarebbe altro che una traduzione molto bonaria di un testo in turco appunto o in un altra lingua. Quanto riportato su Facebook appare dunque solo un ‘allarme insensato e senza alcun fondamento di verità.

Per restare sempre aggiornato, aggiungi ai tuoi contatti su smartphone il numero 3770203990 e invia un messaggio WhatsApp con testo “NEWS”. Il servizio è completamente gratuito! In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo “STOP NEWS” allo stesso numero.
Commenti (5):
Master

BABBI! Svegliatevi! Le pasticchine vi servono per far girare la ruota del criceto che avete nella testa. :D

Tommaso

Le BUFALE sono fatte apposta per creare ALLARMISMI e diffondersi.
Se no che bufale sarebbero se non le considera nessuno?
Il problema è che la gente è PIGRA e non si informa e crede che tutto quello che gira sui social media sia vera.
Questo è il fatto più grave.

Pinoblu

Mi associo, le fonti ufficiali non dicono nulla e questo mi preoccupa, perché una smentita mi sembra obbligatoria altrimenti è lecito pensare che ci sia del vero, o forse giocano proprio su questo, e confondono ancora di più noi tutti alimentando in qualche modo che siano notizie false.

Maria

Mi domando perché fonti ufficiali giornalistiche come le testate nazionali non riportino dati che smentiscono certi allarmismi. In questo caso ci si può anche credere perché almeno si possa evitare di acquistare certi cibi spesso destinati a categorie indifese come i bambini e gli anziani ma dove finisce la sicurezza del consumatore? Questo danno, se si tratta davvero di bufala, potrebbe essere di gravità economica notevole per una ditta seria. I sospettati sarebbero a piede libero? Dove sta la tutela del cittadino e del consumatore? E se si fosse trattato di una ditta che riguarda le bevande o l’acqua? Meglio non pensarci e scongiurare il pericolo delle conseguenze di queste gravi notizie!

Danylove90

Sulla confezione é dichiarato che ci sono queste pasticchine all’interno. Solito allarmismo. C é anche in versione cioccolato.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.