Android 10 sui Samsung Galaxy S10 dalla fine di novembre: certificati Wi-Fi Alliance

La certificazione Wi-Fi Alliance sancisce l'imminente arrivo di Android 10 sui Samsung Galaxy S10

3
CONDIVISIONI

Ormai sono pochi gli ostacoli che separano i Samsung Galaxy S10 da Android 10: tutti gli esponenti della linea, compreso il modello 5G, ha ricevuto la certificazione tramite l’ente Wi-Fi Alliance relativa all’ultima major-release del robottino verde (lo ha riportato con dovizia di particolare il noto portale ‘SamMobile‘), sia per quanto riguarda le versioni equipaggiate con il processore Exynos che quelle spinte dallo Snapdragon.

Questo però non vuole significare che l’aggiornamento sia sul punto di essere rilasciati in una manciata di giorni. Lo scorso anno i vari Samsung Galaxy S9, S8, Note 8 e Note 9 ricevettero la certificazione Wi-Fi relativa ad Android 9 Pie a metà novembre, per poi veder rilasciato l’upgrade in versione finale dalla fine di dicembre. Il programma beta di Android 10 con One UI 2.0 incentrato sui Samsung Galaxy S10 non dà motivo di pensare possano esserci intoppi, ma riesce difficile credere che l’aggiornamento possa partire prima della fine di novembre, o comunque da inizio dicembre.

Saranno proprio i Samsung Galaxy S10 a ricevere per primi Android 10, accompagnati subito dopo dai Samsung Galaxy Note 10 e Note 10 Plus (probabilmente qualche settimana più tardi). La faccenda non si sta concretizzando, ma è a buon punto, se così si può dire. C’è poco altro da aggiungere a quanto già detto, fermo restando che la situazione sta comunque prendendo una piega benevola (il passaggio della certificazione rilasciata da Wi-Fi Alliance è obbligato per il rilascio della versione finale di una qualsivoglia major-release, ed è naturale che i Samsung Galaxy S10 abbiano attraversato questa fase intermedia prima di involarsi verso la distribuzione vera e propria della versione finale). Gli step sono ben precisi, e non c’è modo di aggirarli. Ogni cosa richiede il suo tempo (c’è poco da fare), anche perché immaginiamo nessuno di voi vorrebbe avere a che fare con un software acerbo e pieno di bug.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.