Recensioni di Death Stranding su PS4: tutti i voti del nuovo videogioco di Hideo Kojima

Le principali testate videoludiche condividono con il popolo geek le loro impressioni sull'ultima opera di Hideo Kojima, in uscita il prossimo 8 novembre su PS4 e PS4 Pro

8 novembre 2019. E’ questo il grande giorno di Death Standing, esclusiva temporale per PlayStation 4 e PlayStation 4 Pro – arriverà anche su PC nell’estate del prossimo anno – firmata nientemeno che da Hideo Kojima. Il “papà” della saga stealth di Metal Gear e di quella sci-fi di Zone of the Enders, dopo la sua turbolenta separazione da Konami, non ha mollato la presa, ed è andato prima a fondare il suo studio indipendente, poi a mettere in cantiere un progetto definito più volte innovativo e fuori dagli schemi. Kojima Productions si prepara ad emozionare i fedelissimi Sony con una storia ambiziosa e struggente, affiancata ad un gameplay sì frammentato ma anche incredibilmente vario, senza dimenticare la parata di stelle coinvolte, da Norman Reedus di The Walking Dead a Mads Mikkelsen, passando pure per il regista messicano Guillermo del Toro.

E se per prepararci all’uscita Sony e il team di sviluppo hanno rilasciato un trailer di lancio lunghissimo e sontuoso – potete recuperarlo cliccando sul tasto Play del video poco più in alto in questo stesso articolo -, da oggi 1 novembre la rete va a farsi un posto ancora più bello grazie alla pubblicazione delle prime recensioni di Death Stranding su PS4. Scaduto l’embargo, le principali testate videoludiche hanno quindi potuto condividere con la community geek e più in generale con il grande pubblico le loro impressioni sul viaggio di Sam Porter Bridges, e sull’impianto ludico messo a punto da Kojima e dal suo team. Ecco perché ho deciso di raccogliere per voi le review dell’opera poligonale del buon Hideo, ed in particolare quelle dei siti italiani di riferimento, così da avere a disposizione una panoramica sui valori – e gli inevitabili difetti – di questo attesissimo Death Stranding.

Death Stranding, i voti della stampa italiana

Mentre vi scrivo, il metascore di Death Stranding – ovvero il suo voto medio sul sito di aggregazione Metacritic – è di 84 su 100. E va quindi a delineare un videogame quasi eccellente, che non è riuscito evidentemente a raggiungere vette più alte per la presenza di alcune sbavature. Spostandoci invece sulle recensioni a disposizione dei gamer italiani, i ragazzi di Multiplayer.it hanno premiato la visione di Hideo Kojima con un 9.2, esaltandone la straordinaria cura nel gameplay – definito addirittura simulativo -, il comparto tecnico fuori scala, la narrazione dai tratti maturi e il persino il multiplayer asincrono. Tra i difetti, nello scritto di Emanuele Gregori, si sottolinea la presenza di un sistema di combattimento troppo scarno, e di un livello di difficoltà troppo blando, senza dimenticare la tendenza di alcune meccaniche a diventare subito ripetitive. Passando alla recensione di Everyeye.it a cura di Alessandro Bruni, Death Stranding strappa un voto pari ad un 9 tondo, per quello che è definito un ritorno del Kojima più visionario, autore di un gioiello imperfetto di rara bellezza, impreziosito da un messaggio potentissimo:

Death Stranding proietta i giocatori in un futuro oscuro e straniante, nella stretta di un mondo carico di atmosfere luttuose e vividissime. Tra le maglie di un immaginario tra i più ricchi, affascinanti e coerenti della storia dei videogiochi, Kojima adagia una sceneggiatura carica di colpi di scena e sequenze memorabili, che culminano in un finale indimenticabile, di quelli che lasciano un segno indelebile nell’animo e nella memoria.

Offerta
Death Stranding - PlayStation 4
  • Kojima, il padre della saga Metal Gear torna con un nuovo grande...
  • Un Open World unico per un' esperienza di gioco memorabile - Una...

Non manca neppure la review di Spaziogames.it, firmata da Stefania Sperandio, che ha concesso al gioco un roboante 9.4. Tra i pregi presi in considerazione dell’autrice, abbiamo narrativa e regia – definite maestose! -, le prove attoriali del cast e l’intreccio tra tematiche e meccaniche. Tra i difetti, invece, si elencano alcune sbavature tecniche e la ripetitività di alcune missioni. Il tutto si concilia con quella che di fatto è una produzione atipica, stravagante e polarizzante. Lara Arlotta di Eurogamer.it, poi, giudica Death Stranding un titolo da 9:

Death Stranding riesce a toccare tutte le corde giuste, unendo un gameplay semplice nel concetto, ma eccezionalmente sfaccettato nell’esecuzione, a una narrazione registicamente impeccabile, con il giusto equilibrio tra innovazione, citazionismo e autocitazionismo. Si tratta di un titolo sicuramente non per tutti, complice anche la mancanza di una componente multiplayer “tradizionale”, ma in grado di lasciare un’impronta fuori dal tempo dentro il giocatore, che una volta conclusa la campagna principale troverà strano, forse persino difficile abbandonare le silenziose terre delle UCA.

E voi, quanto aspettate il nuovo videogame sognato e plasmato da Hideo Kojima? Lo avete già prenotato per graziare la vostra PlayStation 4?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.