In arrivo la serie tv sulla Divina Commedia ma l’Inferno di Dante sarà diverso dall’originale

Freeform è al lavoro su una serie tv sulla Divina Commedia, ma la notizia ha già creato polemica sui social: l'Inferno di Dante sarà diverso dall'originale?

311
CONDIVISIONI

Chi non ha mai sognato di vedere una serie tv sulla Divina Commedia? Il poema allegorico-didascalico di Dante Alighieri, composto tra il 1304/07 e il 1321, è universalmente ritenuta una delle più grandi opere della letteratura di sempre, nonché uno dei componimenti italiani più conosciuti al mondo (insieme ai Promessi Sposi di Alessandro Manzoni). Odiata quanto amata dagli studenti, il testo è stato imposto come lettura obbligatoria nel sistema scolastico nostrano.

Proprio per la sua importanza a livello internazionale, la Divina Commedia ha ispirato anche l’arte contemporanea, tra teatro e alcuni grandi classici del cinema. Ricordiamo le parodie di Totò (47 morto che parla, Totò all’Inferno) e i recenti Al di là dei sogni (con Robin Williams) e Inferno, diretto da Ron Howard, a sua volta ispirato al romanzo di Dan Brown. Visto il successo al cinema, qualcuno ha pensato di adattarla anche sul piccolo schermo.

Come annuncia Deadline, Freeform è al lavoro su una serie tv sulla Divina Commedia, ma attenzione: la sua trasposizione sarà ben diversa dall’opera originale. La trama, divulgata dal rinomato sito, non raccoglierà molti consensi tra quelli che apprezzano l’universo dantesco.

Dante’s Inferno, questo il titolo del progetto televisivo in sviluppo alla Freeform, è descritto come una rielaborazione in chiave moderna dell’immaginario dantesco, in cui i personaggi celebri dell’opera vengono trasferiti nella Los Angeles di oggi. La storia ha per protagonista una giovane donna di none Grace Dante, profondamente delusa dalla sua vita. Divisa tra la madre tossicodipendente e il fratello problematico, la ragazza ad appena vent’anni ha dovuto abbandonare tutti i suoi sogni in cui sperava. Poi, un giorno, ogni cosa cambia e i suoi desideri iniziano a realizzarsi, come per magia: tutto comincia ad andare per il verso giusto, a partire dalla scuola, alla carriera, e perfino in ambito amoroso. Ma l’artefice di tutta questa fortuna è nient’altro che il Diavolo in persona. L’unico modo per superarlo (e liberarsene) è iniziare un lungo viaggio attraverso il suo Inferno personale.

Il progetto si prospetta ambizioso, a cominciare dal suo team creativo: Ethan Reiff e Cyrus Voris (Knightfall, Sleeper Cell) che avranno il ruolo di produttore esecutivi e sceneggiatori; Nina Fiore e John Herrera (The Handmaid’s Tale, The Purge) anche si occuperanno di produrre e scrivere il copione; e Danielle Claman Gelber (Chicago Fire, Chicago P.D., Chicago Med). Ad aiutarli nel processo produttivo ci sarà anche Studio 71 di Gelber, Michael Schreiber e Dave Devries.

La serie tv sulla Divina Commedia punta certamente a un pubblico giovanile, in linea con il target della rete via cavo di Walt Disney Comany. Questa nuova rivisitazione però è destinata a suscitare polemiche tra gli utenti italiani, che non vedono il motivo per cui un’opera così importante della letteratura debba essere interamente stravolta con una sinossi che ricorda da vicino un classico teen drama.

C’è chi pensa sia una fake news, chi invece la prende in maniera ironica. Se bisogna stravolgere il senso della Divina Commedia, tanto vale invertire anche i ruoli dei protagonisti. Così la Beatrice dantesca diventa un ragazzo dal nome improponibile:

Più che incitare i giovani a rivisitare il capolavoro di Dante, la serie tv sulla Divina Commedia potrebbe invece convincerli a chiudere i libri?

 

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.