Rocco Schiavone 4 ci sarà? Marco Giallini non molla: “Io continuo”

Marco Giallini chiarisce il punto della situazione su Rocco Schiavone 4: rivedremo ancora il burbero vicequestore di Aosta?

87
CONDIVISIONI

In attesa di scoprire quale sarà il futuro del burbero vicequestore di Aosta, emergono online i primi dettagli su Rocco Schiavone 4. Ci sarà una quarta stagione? Oppure calerà il sipario sulla fiction di Rai2?

Nell’ultimo episodio, dal titolo Fate il vostro gioco, il protagonista interpretato da Marco Giallini si trova a fare i conti con il suo passato. Impegnato nell’ardua risoluzione del caso Favre, che lo conduce nel luogo oscuro del gioco d’azzardo, Rocco riceve una telefonata che lo sconvolge e a quel punto deve prendere una decisione avventata. Restare ad Aosta ed espiare le sue colpe, oppure lasciare per sempre l’Italia, fuggendo dai suoi crimini?

Il controverso personaggio, nato dalla penna di Antonio Manzini e inaugurato nel 2013, continua ad affascinare il pubblico italiano. Merito della simpatia/antipatia di Marco Giallini, che che ha trovato in Schiavone il suo perfetto alter ego. A TV Sorrisi e Canzoni aveva dichiarato: “Mi somiglia moltissimo. È forse il personaggio che più sento vicino tra tutti quelli che ho fatto, e tornare a interpretarlo mi viene naturale. Tra me e lui ci sono molti punti in comune, mi guardo allo specchio e io sono quello lì. È uno duro, uno che non ha paura”.

E se il suo “sosia” anticonformista sembra aver chiuso con vita ad Aosta, la serie tornerà almeno per un altro anno. I fan possono quindi stare tranquilli: ci sarà una quarta stagione. Lo aveva annunciato Maddalena Rinaldo, produttrice creativa della fiction, lo scorso maggio. L’occasione è avvenuta durante la cerimonia per il conferimento dell’onorificenza di ‘Ami de la Vallée d’Aoste’, la cittadinanza onoraria valdostana, a Marco Giallini. L’attore, raggiunto dai microfoni di Tv Blog, ha confermato le parole della Rinaldo, aggiungendo: “Lo chiedi a me? Io certo che continuo, Rocco Schiavone ormai sono io.” Sappiamo che le riprese dovrebbero iniziare molto presto. Secondo il sito, la produzione si riunirà già nei primi mesi del 2020, con la messa in onda prevista di nuovo su Rai2 nell’autunno dello stesso anno.

Cosa sappiamo di Rocco Schiavone 4? La storia potrebbe ispirarsi a Rien ne va plus, ottavo e finora ultimo romanzo pubblicato da Manzini, la cui trama ci riporta all’interno del casinò di Saint-Vincent (nella serie è a Sanremo). Il vicequestore si trova di nuovo a rispolverare il caso di omicidio del ragioniere Favre. Contro il parere dei capi della questura e della procura, che vorrebbero libero il campo per un’inchiesta più grande, Rocco raccoglie nuovi indizi utilizzando, come sempre, metodi poco ortodossi. Intanto Gabriele diventa una presenza importante nella sua vita, così come la cucciola Lupa. I fantasmi del passato, però, sono sempre alle porte: la morte del killer Baiocchi, assassino della moglie Marina, e il suo cadavere mai ritrovato. A questo si aggiunge la costante sensazione di essere sempre osservato.

Un romanzo più maturo, forse quello definitivo, che spinge Rocco in una dimensione più intima, come riporta Sellerio sul suo sito:

Sembra che in questo romanzo molti nodi vengano al pettine, i segreti e i misteri; ed in effetti, intrecciate al filone principale, varie storie si svolgono. Così come si articolano le vicende personali (amori, vizi, sogni) che sfaccettano tutti gli sgarrupati collaboratori in questura di Rocco. Una complessità e una ricchezza che danno la prova che Antonio Manzini si proietta oltre il romanzo poliziesco, verso una più universale rappresentazione della vita sociale e soprattutto di quella psicologica e morale. Ed è così che il personaggio Rocco Schiavone, con il suo modo contorto di essere appassionato, con il suo modo di soffrire, di chiedere affetto, è destinato a restare impresso nella memoria dei suoi lettori.

Giallini non molla, e i fan sono pronti a seguirlo: Rocco Schiavone 4 sta arrivando.

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.