Cambiare DNS per risolvere i problemi TIM del 23 ottobre: possibili soluzioni

Questione DNS al centro dei malfunzionamenti riscontrati da alcuni utenti TIM negli ultimi tempi

55
CONDIVISIONI

Continuano a tenere banco alcuni problemi TIM segnalati dagli utenti da circa 24 ore a questa parte, come del resto avrete percepito anche attraverso l’articolo pubblicato nella giornata di martedì. La questione va al di là dei soliti malfunzionamenti di rete riscontrato dal pubblico mobile o legato alla connessione domestica, con disagi che a volte sono geolocalizzati, mentre in altri casi appaiono più diffusi. Stavolta tocca analizzare un’anomalia più specifica che, a quanto pare, non conosce ancora soluzione. O quantomeno non la conosce per vie ufficiali.

La questione DNS coi problemi TIM di fine ottobre

Provando ad analizzare in modo più approfondito le segnalazioni inerenti i problemi TIM degli ultimi giorni, più in particolare, emerge che la questione graviti attorno alla navigazione all’interno di determinati siti. C’è chi ipotizza che si possa trattare di siti che si appoggiano su servizi cloud esteri irraggiungibili, anche se al momento è complicato circoscrivere l’anomalia. Certo, non parliamo di down stando alla mole di lamentele che possiamo individuare su Servizio Allerta, ma il malfunzionamento non è nemmeno così isolato.

Pare ruotare tutto attorno ai DNS. Alcuni utenti affermano di aver trovato una soluzione. Come? Impostando i dns di Cloudflare, ovvero 1.1.1.1 e 1.0.0.1. Sotto questo punto di vista ci sono riscontri positivi, ma allo stesso tempo mancano feedback ufficiali in grado di rendere ufficiale la pezza di cui si sta parlando per gli insoliti problemi TIM segnalati di recente. Dando uno sguardo ai social, al momento osservo solo repliche in cui gli utenti che registrano malfunzionamenti vengono invitati a contattare l’assistenza.

Probabile, dunque, che al momento neppure l’operatore abbia le idee chiare sotto questo punto di vista, anche se i problemi TIM potrebbero essere superati con le dritte che vi ho fornito oggi 23 ottobre. Avete già provato? Fatecelo sapere con un commento a fine articolo.

Commenti (13):
haddock2000

Ho fibra ottica TIM e la connessione a Internet da PC e da Tablet e smartphone funziona correttamente. Non funziona la connessione TV Smart Samsung verso il modem e chiedendo in automatico la connessione inizializza tutti gli indirizzi tranne il DNS che rimane con tutti zero.
Se faccio la connessione TV verso modem con cavo mi dà una croce rossa sul percorso dei due device.
Se provo la connessione wireless TV verso modem mi dà connessione stabilita tra Tv e modem e connessione non disponibile tra modem e internet.
Ho contattato 187, ma non mi sanno rispondere.
Grazie

Maggiolone

3 giorni fa il “””tecnico””” della TIM mi ha detto che hanno un problema con i DNS su scala Nazionale. Col TIM HUB non ti consentono di cambiare DNS, perchè? perchè sono degli infami e vogliono che navighi sui siti che dicono loro. Oggi non posso entrare manco sul mio di sito, ridicoli. Basterebbe aggiornare il firmware di tale modem e dare possibilità alla gente di cambiare DNS e poter cosi tornare a navigare. Ci vuole un po’ di decoro e di decenza. Sono 3 giorni che siamo in questa situazione, però preferiscono creare problemi alla gente, senza poi peraltro scontarti sulla bolletta i giorni di disservizio, piuttosto che aggiornare un semplice Firmware e consentire di impostare DNS diversi, consentendoci di tornare ad usare il suddetto servizio, per il quale paghiamo, in modo dormale. Tipico di chi manca di competenza e professionalità.

    AZIMUTH

    MAggiolone, puoi sempre cambiare i DNS a livello di device. Metti sul tuo PC o televisore o altro l’IP statico che ti lascia la possibilità di mettere un DNS personalizzato togliendo l’IP 192.168.1.1 del router modem (o comunque l’ip assegnato al gateway)

Belva

Io non riesco nemmeno ad entrare alla pagina del modem, mi carica all’infinito, provato anche a ravviare ma nulla, soluzioni?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.