Need for Speed Heat e il Crew System, ecco come funzionerà

Sarà un multiplayer online parecchio ricco quello che prenderà vita nel nuovo capitolo della saga racing arcade

La tornata autunnale è come sempre ricchissima di nuovi giochi, con Need For Speed Heat che non poteva non farsi trovare pronto all’appello. Il nuovo capitolo della serie racing di stampo spiccatamente arcade è chiamato a continuare sulla strada tracciata dal predecessore, Need For Speed Payback, andando a richiamare quelle feature apprezzate dalla community, eliminare quelle che non sono state digerite adeguatamente e ovviamente infarcire la produzione con novità che stuzzichino l’appetito videoludico dei fan.

Al giorno d’oggi un ruolo di assoluto rilievo è rivestito dal comparto multigiocatore, un aspetto che in Need For Speed Heat, manco a dirlo, avrà una grandissima importanza. Il team di sviluppo di Ghost Games ha infatti pensato a tutto, infarcendo la sua produzione di elementi che vadano a incentivare le peregrinazioni nella mappa di gioco da parte degli utenti.

La mappa di gioco di Palm City potrà ospitare fino a 16 giocatori, un numero assolutamente congruo che non risulta né eccessivamente alto né troppo basso, e che consentirà quindi a tutti di poter prender parte ai numerosi eventi disseminati in ogni dove. Ai giocatori basterà accettare l’invito pervenuto dall’organizzatore di turno per ritrovarsi catapultati sulla griglia di partenza, pronti a dare libero sfogo al proprio piede (digitale) destro.

Non mancherà la possibilità poi di stringere alleanze con altri corridori grazie al Crew System, che permetterà ai giocatori di unirsi in squadre di quattro piloti, con le sfide “in casa” che daranno un sapore tutto diverso all’esperienza ludica. Numerosi eventi consentiranno infatti di competere sfrecciando a tutta velocità per le strade di Palm City, allo scopo di far segnare chiaramente il tempo minore possibile sul cronometro.

Una scelta precisa quella di Ghost Games, che in Need For Speed Heat ha preferito optare per un numero di giocatori minore su una stessa mappa per non dar vita a “ingorghi” digitale dominati dal caos. In questo modo ognuno saprà perfettamente con chi andrà a competere, con il gameplay generale che ne beneficerà grazie al maggiore confronto che verrà a crearsi tra i vari piloti digitali connessi da tutto il mondo.

Ricordiamo che il gioco sarà disponibile a partire dall’8 novembre su PS4, Xbox One e PC.

Fonte

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.