BoB, Best Of Barone: 15 minuti da Red Ronnie con Paolo Vallesi, Street Clerks, Michele Bovi e Mattia Bonetti

Dal rock'n'roll della giovane band fiorentina alla canzone italiana, passando per il cantautorato. Da Red Ronnie va sempre in scena la genuinità della musica

193
CONDIVISIONI

Il quarto appuntamento del format di Red Ronnie andato in onda lunedì 14 ottobre è stata una celebrazione di novità: il Barone Rosso, di cui OM è media partner, è qui riassunto con il BoB, Best Of Barone che in 15 minuti riassume il meglio della serata. È risaputo che lo storico conduttore di Roxy Bar sa creare sempre il giusto spazio per gli artisti e per la genuinità della musica dal vivo, e in questa occasione lo studio di Red Ronnie ha ospitato anche una batteria.

I grandi nomi del Barone Rosso del 14 settembre sono stati Paolo Vallesi e Michele Bovi, e la serata si è aperta con la giovane formazione degli Street Clerks, quartetto fiorentino che ci fa respirare i Beatles, la musica italiana d’autore degli anni ’90 e l’essenza più sanguigna del rock’n’roll. La batteria è stata installata proprio per loro e per questo la dimensione live del format di Red Ronnie si è amplificata per lasciare più spazio alla dimensione sonora dello show.

Gli Street Clerks sono una vecchia conoscenza di Red Ronnie, visto che già nel 2015 avevano partecipato al Barone Rosso per poi ricevere l’invito ufficiale per Roxy Bar. Negli anni hanno maturato un’esperienza anche a X Factor e oggi sono la resident band del programma di Cattelan su Sky Uno. Ai loro brani aggiungono una cover di A Hard Day’s Night dei Beatles. La loro musica conquista Paolo Vallesi, che insieme a loro decide di rendere un tributo a Stevie Wonder suonando Superstitious, in una versione tanto improvvisata quanto divertente.

Paolo Vallesi si siede al divano di Red Ronnie con Michele Bovi, volto storico di Rai2 e autore di due libri, Anche Mozart Copiava e Ladri Di Canzoni, per questo durante l’incontro si citano gli esempi di My Sweet Lord di George Harrison, accusato di plagio da Ronnie Mack, e di Will You Be There di Michael Jackson, accusato di plagio da Al Bano Carrisi.

Con il suo pianoforte elettrico Paolo Vallesi esegue il suo nuovo singolo Come Brina D’Agosto e la storica La Forza Della Vita, che dà anche il titolo all’autobiografia La Forza (Della) Mia Vita. Red Ronnie sottolinea l’importanza di questo brano per la musica italiana, e non a caso lo omaggia con un cesto di prodotti Mielizia, un dono destinato agli ospiti più importanti del Barone Rosso.

Mattia Bonetti è il giovanissimo talento che Red Ronnie e Grazia Di Michele hanno scoperto durante l’Optima Red Alert di Sanremo, un artista che non era riuscito a far parte della lista di ragazzi che gravitavano fuori dal festival. Nonostante questo, Mattia è stato ascoltato dai due conduttori e l’impatto emotivo è stato talmente forte che Red Ronnie lo ha ospitato al Barone Rosso. Il giovane cantautore si esibisce con una chitarra e un flauto traverso suonato da Sara Ferrari, e riscopriamo l’aura mistica che solo il cantautorato sa proporre, una poetica sonora fatta di testi ricercati e profondi e essenzialità strumentale, lontana dai virtuosismi e molto vicina all’espressione più alta del sentimento umano.

Di seguito il video riassuntivo di BoB, Best Of Barone, con i momenti più salienti del Barone Rosso di lunedì 14 ottobre.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.