Biglietti in prevendita per Avril Lavigne a Milano nel 2020, un unico concerto in Italia per Head Above Water

Biglietti in prevendita dal 18 ottobre

5
CONDIVISIONI

Avril Lavigne a Milano nel 2020 per un unico concerto in Italia atteso al Fabrique il 16 marzo del prossimo anno. Il concerto fa parte dell’Head Above Water World Tour 2020 che toccherà diversi Paesi nel mondo tra i quali l’Italia, dove l’artista sarà in concerto per un solo appuntamento al Fabrique di Milano.

I biglietti per assistere all’evento italiano di Avril Lavigne saranno disponibili in prevendita da venerdì 18 settembre su TicketOne, TicketMaster e nei punti vendita autorizzati dalle ore 9.00.
Gli iscritti al Fan Club ufficiale potranno comprarli già partire dalle ore 9:00 di mercoledì 16 ottobre in anteprima esclusiva su Live Nation per 48 ore.

Mi sono divertita tantissimo durante il tour negli Stati Uniti! Non posso credere che sia già finito! Vedere i volti dei miei fan ogni sera e sentire la loro energia era ciò di cui avevo davvero bisogno. Mi mancava salire sul palco e cantare con il mio pubblico. Tutto ciò mi ha dato una gioia inimmaginabile per cui sono felicissima di annunciare che porterò “Head Above Water Tour” in giro per il mondo il prossimo anno in Europa, Giappone, Cina e Sud-Est Asiatico”, ha raccontato Avril Lavigne.

La star del pop-rock porterà il suo Head Above Water World Tour in Europa il prossimo anno per 11 date con show ad Amsterdam, Parigi, Berlino e Manchester, dove si terrà l’ultimo spettacolo in programma il 2 aprile. Dopo il live in Europa, Avril Lavigne sarà dal vivo in Cina, Giappone e nel Sud-Est Asiatico: si esibirà – tra le altre – in città come Shanghai, Tokyo e Bangkok. Il calendario completo del tour mondiale sarà annunciato a breve.

In Europa verranno devoluti 2,00€ da ogni biglietto alla Fondazione di Avril Lavigne. The Avril Lavigne Foundation si occupa di supportare e aiutare le persone colpite dalla malattia di Lyme e affette da altri problemi di salute.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.