Uscita PS5 a Natale 2020, tutto ciò che sappiamo sulla nuova console Sony

Comincia a crescere la febbre da gaming nell'attesa della release della nuova console proveniente dal Giappone

L’annuncio tanto atteso è finalmente arrivato nella giornata di ieri: PS5 ha finalmente una data d’uscita. Non bisognerà poi attendere tanto, viste le intenzioni di mamma Sony di presenziare evidentemente sotto gli alberi di Natale dei propri fan nel corso delle festività del 2020, con la marcia d’avvicinamento che è ormai cominciata. Sarà un anno di rivelazioni importanti sul nuovo hardware del colosso nipponico, visto che allo stato attuale di PS5 si sa relativamente poco.

Dopo infatti l’annuncio delle specifiche tecniche di qualche mese fa è piombato il silenzio sulla nuova console dagli occhi a mandorla, con Sony che ovviamente non voleva in alcun modo distogliere l’attenzione dall’attuale generazione, pronta a sorprendere ancora per un bel po’ di tempo prima di tirare i remi in barca e defilarsi lentamente. È però arrivato il momento di cominciare a fare un po’ il punto della situazione su cosa la futura piattaforma sarà in grado di portare nelle case dei propri acquirenti.

Se da un lato Sony sta innegabilmente spingendo per avere a disposizione un catalogo vasto e variegato, stringendo accordi di produzioni esclusive per PS5, dall’altro è anche vero che i cervelloni della compagnia stanno lavorando febbrilmente per garantire ai propri utenti la possibilità di giocare anche i titoli della precedente generazione. La retrocompatibilità è da sempre stato un punto cruciale al lancio di una nuova console, e questa volta il team nipponico vuol dare alla community ciò che la community vuole. Non ci sono però rassicurazioni totali su questo fronte, con gli addetti ai lavori che stanno facendo tutto il possibile per rendere la retrocompatibilità totale realtà, sebbene occorra la giusta sinergia con tutti gli sviluppatori per far sì che l’intero catalogo PS4 sia pronto a fare la sua parte anche su PS5. D’altronde le specifiche tecniche del nuovo hardware richiederanno patch dedicate ai giochi, per permettergli di dare il meglio di sé anche su questo nuovo palcoscenico, quindi è sempre meglio non dare mai nulla per scontato.

Vibrazioni importanti

Anche il nuovo controller, nome in codice provvisorio (per continuità) “Dualshock 5”, è pronto a garantire un adeguato carico di novità. Abbandonata infatti la tecnologia di vibrazione con effetto Rumble, il dispositivo farà affidamento su un feedback atipico che promette di trasmettere sensazioni uniche e inedite, che immergerà ancor di più gli utenti all’interno delle esperienze ludiche confezionate dai vari studi. A questo vanno poi aggiunti i grilletti adattivi, che saranno chiamati a fare la loro parte nella fase di “dosaggio” (di un’accelerata nei racing game o di caricamento di un colpo negli shooter e simili, ndr). Il tutto andrà a incidere in maniera sensibile sul peso globale della periferica, che quindi risulterà essere meno leggera di quella che storicamente l’ha preceduta.

Ma quando si potrà finalmente dare uno sguardo al design di tutto il bendidio messo assieme da mamma Sony? Le indiscrezioni parlano di un evento fissato per il mese di aprile 2020, con largo anticipo quindi rispetto all’evento per eccellenza quando si parla di videogiochi, vale a dire l’E3 2020. Rumor che potrebbero trovare conferme molto presto, visto che di certo il colosso nipponico non ha alcuna intenzione di dividere la scena con qualcun altro, per poter così calamitare le attenzioni della popolazione videoludica globale e preparare quindi adeguatamente il terreno all’arrivo sul mercato di PS5.

Quali sono le vostre aspettative in vista del nuovo hardware proveniente dall’oriente? Sarete tra gli acquirenti che ne prenderanno uno già dal lancio? Diteci la vostra nei commenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.