Stef Burns chiede a Vasco di suonare a Monza per il prossimo tour

Stef Burns chiede a Vasco di suonare a Monza per il prossimo tour che sarà ospitato dai festival rock

27
CONDIVISIONI

Stef Burns chiede a Vasco di suonare a Monza. O meglio, vorrebbe farlo. Lo storico chitarrista del Blasco ha espresso questo desiderio a Il Giorno, al quale ha concesso una lunga intervista nella quale si è soffermato a parlare delle sue esperienze lavorative al fianco dei più grandi artisti internazionali.

“Hanno già fatto dei grandi concerti, vero? I Pink Floyd tanti anni fa, giusto? E poi anche Ligabue. Sarebbe bello. Farò un concerto, con delle giostre, con 50 persone… No dai, a parte gli scherzi, magari dirò a Vasco di fare uno dei suoi concerti qui. Sarebbe sempre bello. Come Modena Park”

Confermato anche Firenze Rocks, il primo tra i festival a essere annunciato, mentre si mantiene il più stretto riserbo sugli altri eventi. Si è parlato di Imola e degli iDays, ma il tutto rimane ancora nel campo delle possibilità da confermare.

Certa la presenza di Stef Burns nella band del prossimo tour di Vasco Rossi, dal quale non manca ormai da anni. Il chitarrista era presente anche all’evento Modena Park, l’ultimo di Guido Elmi prima della morte sopraggiunta il 31 luglio 2017, a un mese dal concerto con il quale Vasco ha infranto un nuovo record.

In queste settimane, Vasco rilascerà un nuovo singolo che dovrebbe intitolarsi Se Ti Dovessi Dire. Già in lavorazione il video ufficiale del singolo che il Kom ha ancora una volta affidato a Pepsy Romanoff, dietro la camera dell’irid video dedicato a La Verità e altri progetti video del Blasco.

Arriva anche un doppio album nel quale l’artista ha racchiuso le emozioni dei 6 concerti allo Stadio San Siro di Milano, ai quali ha partecipato anche Stef Burns e con i quali ha raggiunto un nuovo record in termini di presenze paganti, oltre a confermarsi leader dei live tenuti nelle grandi arene dello sport.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.