Aperte le danze della beta EMUI 10 su Huawei P30 Lite e Mate 20 Lite in Cina: i tempi per l’Italia?

Ottime notizie per i possessori di smartphone molto diffusi globalmente, la tabella di marcia

20
CONDIVISIONI

Il programma beta EMUI 10 procede a gonfie vele e coinvolge sempre più smartphone. Da oggi 6 ottobre possiamo riportare una più che buona novella per i possessori di Huawei P30 Lite, Mate 20 Lite ma anche peril Huawei Enjoy 10 Plus: per ognuno di questi 3 smartphone, ecco che ila fase sperimentale di adeguamento al prossimo firmware è partita, almeno in Cina.

Come sottolinea Huawei Central, ecco che è stata aperta la fase di registrazione alla beta EMUI 10 per i tre modelli nella madrepatria del produttore asiatico. Proprio in Cina, gli utenti interessati potranno ora cominciare a fare richiesta di partecipazione alla fase di test. Il riferimento ufficiale è all’esemplare Huawei Nova 4e che altro non è, appunto, il Huawei P30 Lite e e al Maimang 7 ossia il Huawei Mate 20 Lite. Terzo dispositivo coinvolto è il Huawei Enjoy 10 Plus in Cina, commercializzato con la stessa nomenclatura anche altrove.

Visto il grande passo in Cina, quando si potrà procedere all’effettivo download della beta EMUI 10 in terra asiatica ma anche globalmente? Proprio in Cina, l’OTA del pacchetto software potrebbe essere disponibile a fine ottobre mentre la finestra temporale di inizio novembre potrebbe essere quella dedicata agli utenti globali, inclusi gli italiani per intenderci.

In questa fase iniziale gli slot messi a disposizione per il programma beta EMUI 10 sui Huawei P30 Lite, Mate 20 Lite e pure sugli Enjoy 10 Plus sono limitati: non si va oltre i 2000 tester per esemplare che dovranno appunto contribuire all’analisi del pacchetto con l’individuazione dei principali bug da segnalare agli sviluppatori. Il loro contributo sarò fondamentale per restituire, a distanza di svariate settimane, un aggiornamento sgombro di errori e falle di qualsiasi tipo. Naturalmente, questa fase, non sarà del tutto sgombra di problemi, quindi i partecipanti dovranno essere consapevoli di poter incorrere in qualche anomalia di troppo nella loro esperienza d’uso quotidiana con i device.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.