Un nuovo cadavere per Imma Tataranni tra droga e rifiuti: anticipazioni 29 settembre e 6 ottobre

Imma Tataranni alle prese con un nuovo cadavere, chi ha ucciso il giovane Nunzio?

1
CONDIVISIONI

Un nuovo cadavere per Imma Tataranni. Il nuovo sostituto procuratore interpretato da Vanessa Scalera è pronto a tornare in onda, su Rai1, con una nuova puntata e un nuovo caso da risolvere e la prossima settimana, il 6 ottobre, dovrà fare i conti con quello che sarà il giro di boa di questa prima, e sicuramente, non ultima stagione, almeno alla luce degli ascolti raccolti.

I casi per Imma Tataranni non mancheranno così come gli sviluppi della sua liason, per ora molto latente, con Ippazio. Il giovane ha puntato gli occhi su una new entry e adesso le cose per loro si complicheranno mentre il pubblico godrà di battibecchi e frecciatine di tutto rispetto. Il lato comico della serie non mancherà ed è proprio quello che ha già conquistato il pubblico che si prepara a ritrovare Imma e i suoi anche oggi, 29 settembre.

L’appuntamento su Rai1, dalle 21.30, sarà con la seconda puntata in cui viene ritrovato il cadavere di un ragazzo, Nunzio. In un primo momento si pensa che il mistero sia legato alla discoteca che ha visitato la sera prima e che lo ha visto protagonista di una rissa. Forse i giovani con cui ha discusso lo hanno aspettato vicino casa per ucciderlo? La prima teoria viene smentita dal medico legale che dichiara subito che il corpo è stato trasportato vicino casa sua quando era già morto.

Ecco il video sneak peek della puntata:

Nella sua indagine Imma entrerà in contatto con i sogni e le delusioni di una generazione abbandonata a sé stessa, desiderosa solo andare via e che per riuscirci è pronta a tutto, anche a farsi coinvolgere nei loschi traffici delle ecomafie che vogliono interrate rifiuti tossici nei campi della Basilicata. Cosa succederà nel tortuoso percorso verso la verità?

Ecco il promo della nuova puntata di Imma Tataranni:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.