Crash insistiti affliggono Google Assistant: il rimedio temporaneo

Google Assistant spesso vittima di crash improvvisi: ecco cosa fare per alleviare il fastidio

2
CONDIVISIONI

Potreste aver sperimentato problemi di crash con Google Assistant di tanto in tanto: non siete i soli, capita anche a tanti altri utenti, a prescindere dallo smartphone utilizzato. Il colosso di Mountain View ne è a conoscenza, ma evidentemente non è ancora riuscito ad individuarne la causa e quindi a porvi il giusto rimedio. Sul forum di supporto ufficiale di Big G si leggono segnalazioni di ogni genere a riguardo, relativi a crash fatti registrare in background, oppure a chiusure forzate dell’applicazione una volta richiamato Google Assistant tramite il tasto fisico o il comando vocale dedicato. Se è successo anche a voi, sappiate che c’è una soluzione temporanea cui ricorrere per correggere un po’ il tiro.

Come avrete senz’altro immaginato, la prima cosa da fare è provvedere a cancellare la cache ed i file di memoria dell’app Google direttamente dalle impostazioni di sistema. In questo modo i crash di Google Assistant potrebbero essere meno frequenti ed invasivi, in modo da permettervi di utilizzare più tranquillamente, al netto dei problemi di cui sopra vi abbiamo parlato. Google conosce il limite del proprio assistente virtuale, ma non è ancora riuscito a risalire alla causa esatta del disturbo, proprio per la grande varietà dei casi in cui è emerso (si pensi solo ai tantissimi modelli di smartphone, tutti diversi tra loro).

L’importante è che vi sia a disposizione almeno una soluzione temporanea al bug che affligge Google Assistant, utilizzato ogni giorno da milioni e milioni di utenti in tutto il mondo per le domande e le richieste più disparate. Big G riuscirà sicuramente ad individuare la causa dei crash continui, rilasciando un aggiornamento mirato a correggerli sul nascere. Se nel frattempo aveste qualche domanda da farci non esitate: il box dei commenti è a vostra disposizione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.