Qualcosa Cambia è il nuovo singolo di Daniele Silvestri in rotazione radiofonica, un manifesto dell’ottimismo (audio e testo)

Il cantautore romano ripone la sua fiducia sui giovani: nessuno più di loro ha gli strumenti per cambiare le cose, anche di fronte agli ostacoli

3
CONDIVISIONI

L’accordo in settima+ che apre il nuovo singolo di Daniele Silvestri è quella giusta distensione che, in questi tempi dilaniati da guerre social e intolleranze riscoperte. Qualcosa Cambia è il brano di apertura de La Terra Sotto I Piedi, un disco che si fa megafono del nostro tempo ma anche carrozzone accogliente per insegnarci che non siamo soli, in questo contesto storico pieno di paura e smarrimento.

Qualcosa Cambia sarà in rotazione radiofonica a partire da venerdì 27 settembre con il suo messaggio di ottimismo: la fiducia è riposta nei giovani, perché Daniele Silvestri non vive di stereotipi. Non esistono ragazzi che non vogliono costruire qualcosa di nuovo perché troppo impegnati a mettere il filtro su Instagram: i ragazzi di Daniele Silvestri hanno gli strumenti per disegnare un futuro più bello e armonioso, e i versi del nuovo singolo lo dicono chiaramente: “Ritorneranno, come è logico, gli ostacoli. Saranno altissimi, inamovibili, e invece questo è il bello: gli andremo incontro e cresceremo, scavalcandoli“.

Se il messaggio che passa attraverso l’intera tracklist de La Terra Sotto I Piedi ha contorni disincantati e quasi rassegnati, nel nuovo singolo di Daniele Silvestri troviamo aria fresca, fiduciosa, un moto spirituale necessario per rispondere col sorriso all’odio che che sta oscurando la società. Concluso estivo, il cantautore romano partirà a ottobre con il tour nei palasport con la prima data il giorno 19 presso il Pala Maggetti di Roseto degli Abruzzi.

Di seguito il testo e l’audio di Qualcosa Cambia, il nuovo singolo di Daniele Silvestri dal 27 settembre in rotazione radiofonica.

Dicevano che non era possibile
e che lo sforzo sarebbe stato inutile
e invece
eccoci qui
Dicevano non è un terreno fertile
non c’è nessuno ormai che ha voglia di resistere
e invece
e invece guardaci
guardaci

Pensavano che fossimo un’ipotesi
un breve guizzo e poi di nuovo pavidi
e forse
e forse un po’ è così
Ma è questo che ci ha reso imprevedibili
sentirci solidi restando liquidi
e infatti adesso
adesso
prova a prenderci

Perché si può vedere
persino in questa nebbia
che a rimanere insieme
magari poi stavolta qualcosa cambia
Qualcosa cambia

Ricordati dei giorni più difficili
fanne tesoro e poi
fanne coriandoli e ridi
lanciandoli
Ritorneranno come è logico gli ostacoli
saranno altissimi inamovibili
e invece questo è il bello
gli andremo in contro
e cresceremo scavalcandoli
scavalcandoli
superandoli

Perché si può vedere
persino in questa gabbia
che a rimanere insieme
magari poi stavolta qualcosa cambia
Qualcosa cambia
Qualcosa cambia

Una musica nuova, una strada pulita
l’Europa sognata, la Siria guarita
un popolo onesto, le navi nei porti
la scuola diffusa. i processi più corti
una generazione che corregga la rotta
la fiducia che torna, la speranza risorta
la lingua dei segni, spiegata ai bambini
noi due che riusciamo davvero a restare vicini

Qualcosa cambia
e se non cambia ancora
cambierà
Impara a a non guardare solo l’emergenza
vedrai che in lontananza
il cielo è rosa
Qualcosa cambia

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.