La Settimana Europea della Mobilità dal 16 al 22 settembre. Iniziative e progetti per migliorare la qualità della vita

I nostri corpi sono progettati per muoversi, eppure molti di noi faticano a trovare il tempo per attivarsi durante il giorno. È il grido d’allarme del Ministero dell’Ambiente. Più di cento città italiane aderiscono alla Settimana Europea della Mobilità

93
CONDIVISIONI

48 nazioni, 2982 città in tutta Europa e 101 municipi italiani. Sono gli impressionanti numeri delle adesioni alla European Mobility Week, la Settimana Europea della Mobilità, in corso dal 16 al 22 settembre.

Alla diciottesima edizione la Settimana Europea della Mobilità continua a crescere e riscuotere consensi. Ogni città si è dotata di un lungo calendario di iniziative create dalle amministrazioni cittadine con il coinvolgimento della cittadinanza. L’ European Mobility Week è diventata nel tempo un’occasione utile per accendere i riflettori su un modello diverso di mobilità sostenibile.

I riflettori sono tutti puntati sulla sicurezza dei pedoni e dei ciclisti nei percorsi cittadini. Il tema dell’edizione 2019 è, infatti, la mobilità attiva, la sicurezza pedonale e ciclabile in città. Sono ingenti i vantaggi di una mobilità che predilige mezzi diversi dall’automobile. Le ricadute positive di forme di mobilità attive riguardano la salute, l’ambiente ma anche il nostro portafoglio.

Sul sito ufficiale della campagna è possibile scaricare tutti i consigli per affrontare e diffondere l’iniziativa in maniera efficace. Sono disponibili polaroid, manifesti, manuali e soprattutto la guida alle migliori buone pratiche del 2018-2019.

Considerato lo slogan ufficiale della campagna “Camminiamo insieme”, non è un caso il coinvolgimento delle nuove generazioni nell’iniziativa. Il numero di bambini europei che soffrono di obesità severa è impressionante. Parliamo di quattrocentomila bambini tra i sei e i nove anni di età e questo solo nei ventuno paesi che hanno partecipato all’indagine. E’ allora proprio dai più piccoli e dalle scuole che partono le sperimentazioni positive utili ad una sana attività fisica.

Al via in tante città italiane il Pedibus. Si tratta una forma di trasporto scolastico grazie al quale gli alunni vengono accompagnati a piedi a scuola da adulti. Le modalità sono le stesse dello scuolabus. L’iniziativa è ormai consolidata in tante realtà cittadine e si sta espandendo a macchia d’olio.

Successo anche per il Bike To School, la passeggiata in bici che porta i ragazzi dritti a scuola. Nella città di Napoli, ad esempio, l’evento è stato promosso dal Liceo Mercalli e coordinato dalla professoressa Laura Saffiotti. Stesso successo presso la scuola Madonna Assunta di Bagnoli.

Come ricorda nell’intervista esclusiva per OM Luca Simeone, Presidente del Tavolo della ciclabilità cittadina, Napoli è una città a “misura di bici” e lo sta confermando in questa settimana.

Sempre a Napoli, la Settimana Europea della Mobilità è l’occasione utile per fare il punto sugli investimenti in campo. Da palazzo San Giacomo arrivano buone nuove sulla mobilità ciclabile. L’assessore alle infrastrutture Mario Calabrese e l’assessore alle politiche di mobilità urbana Alessandra Clemente fanno sapere che è stato approvato in giunta il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione di nuovi piste ciclabili.

Ecco tutte le strade coinvolte: via Arnaldo Lucci, via Nuova Marina, nel tratto compreso tra Corso Garibaldi e via Duomo e tra via Nuova Marina e piazza Nicola Amore. Nuove piste ciclabili anche su via Cardinale Guglielmo Sanfelice e via Armando Diaz. Nella video intervista esclusiva per OM all’Assessore Clemente, sono visibili anche le bozze soggette a modifica della pista ciclabile su Corso Umberto.

Le piste consentiranno di estendere e connettere ancor di più i percorsi ciclabili esistenti a quelli già programmati. E’ l’affermazione che fa ben sperare degli Assessori Calabrese e Clemente.

Le proposte napoletane vanno quindi dai Bimbi in bici nei campi flegrei al Bike to work, dalla Mostra interattiva sulle bici a Città della scienza al Bike tour le vie del vino. Il programma completo delle iniziative è visionabile sul sito ufficiale del Comune di Napoli. Sulla pagina del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, invece, è possibile conoscere tutte le iniziative in corso nelle città italiane aderenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.