Audio di Far Away Places, il primo singolo della figlia di Chris Cornell i cui proventi andranno in beneficenza

Toni ha solo 15 anni. In una lettera al padre scrisse: "Le arti sono sempre state il nostro legame speciale"

Toni Cornell è la figlia di Chris Cornell. Nelle ultime ore il giovane talento di soli 15 anni ha pubblicato il suo primo singolo, Far Away Places, che suo padre produsse tre mesi prima di lasciare questo mondo. L’ex frontman dei Soundgarden, degli Audioslave e dei Temple Of The Dog è morto il 18 maggio 2017 mentre si trovava in una stanza d’albergo di Detroit.

Toni Cornell scrisse il brano tre anni fa, quando era appena dodicenne e lo registrò insieme al padre Chris nella casa-studio di Miami, nel 2017. Il brano era destinato al cortometraggio Far Away Places, appunto, diretto dall’amica di famiglia Tatiana Shanks che lo presentò nel 2018 in vari festival cinematografici americani.

A proposito dell’affinità col padre, la stessa Toni scrisse una lettera nel giorno della Festa del Papà nella quale riportava queste parole: “Il nostro legame speciale sono sempre state le arti. Poesie, libri, musica, scrittura. Entrambi abbiamo un amore incondizionato per esse”.

Far Away Places è una ballata acustica, e la prima cosa che cattura la nostra attenzione è la voce della giovane artista: il timbro di Toni Cornell può essere acerbo, vista la giovane età, ma la sua capacità di intonazione è già notevole. Toni sa modulare da un piano a un forte, ora sommettendo il fiato e ora rendendo la nota più vigorosa per riempire meglio il segmento. Del resto, si sa, tutti sappiamo che la giovane cantante ha avuto sicuramente un ottimo maestro.

Toni aveva già mostrato le sue capacità durante lo show-tributo I Am The Highway, quando insieme a Ziggy Marley (figlio di Bob) aveva cantato Redemption Song. La figlia di Chris Cornell ha compiuto 15 anni solamente il 18 settembre, e questo suo primo brano inedito è quasi un regalo di benvenuto a quella che potrebbe essere una carriera musicale: Far Away Places è una buona ballata pop i cui proventi verranno devoluti all’associazione New York Society for the Prevention of Cruelty to Children, che si occupa di abusi sui minori.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.