Si chiude il caso molestie sul set di The Rookie, Afton Williamson delusa e tradita dalla giustizia

Uno schiaffo alle donne di colore discriminate: lo sfogo di Afton Williamson, all'indomani della chiusura del caso molestie sul set di The Rookie

23
CONDIVISIONI

Con molta amarezza si chiude il caso molestie sul set di The Rookie. All’inizio dell’estate, Afton Williamson ha annunciato il suo addio al cast, raccontando di essere stata vittima di aggressioni e bullismo dietro le quinte della serie ABC. Il terribile episodio ha costretto l’attrice a lasciare lo show, che era appena stato rinnovato per una seconda stagione.

Dopo lunghe settimane di indagini, la Entertainment One (eOne), casa di produzione di The Rookie, ha dichiarato la chiusura del caso, affermando di non aver trovato alcuna prova concreta per convalidare la sua denuncia: A seguito di un’indagine interna, abbiamo concluso che le persone identificate nelle accuse della sig.ra Williamson non si sono comportati in alcun modo illegale e non hanno dimostrato comportamenti inappropriati per il luogo di lavoro.

“Si è inoltre concluso che i produttori esecutivi, incluso lo showrunner Alexi Hawley, hanno affrontato questioni di cui sono stati informati prontamente e in modo equo e ragionevole”, ha continuato la eOne tramite un comunicato stampa. L’inchiesta è stata portata avanti dallo studio legale Mitchell Silberberg & Knupp LLP e dagli investigatori EXTTI, come ha affermato eOne, aggiungendo che all’interno della produzione sono state svolte quasi 400 ore di interviste e revisione delle prove. Afton Williamson si è sentita delusa e tradita dalla giustizia, la stessa che dovrebbero tutelare i cittadini da ogni forma di discriminazione. Su Instagram ha pubblicato un lungo post di sfogo:

Ciò che mi rattrista di più è che le misure che sono state prese per ingannare, mentire e nascondere la verità, erano molto più grandi di quelle fatte per proteggere e mantenere un ambiente di lavoro sicuro per i dipendenti. […] È straziante per tutti sul set; passato e presente. E per ogni attore là fuori che si trova di fronte a molestie e discriminazione, aggressione e ingiustizia. Come donna nera, artista, attrice, nel 2019.

La Williamson ha continuato a sollecitare Hollywood affinché faccia del suo meglio per proteggere i suoi dipendenti: “Dobbiamo migliorarci come industria. Non si può solo parlarne finché non si agisce.”

View this post on Instagram

What saddens me the most is that the lengths that were taken to Deceive, Lie, and Cover Up the Truth, were far greater than those made to Protect and Maintain a Safe Working Environment for Employees. It’s Heartbreaking for everyone on that set; Past and Present. And for every Actor out there who Stands in the Face Of Harassment and Discrimination, Assault and Injustice. As a Black Woman, an Artist, an Actor, in 2019. My Speaking the Truth, Standing up for myself, and Leaving an Unsafe Work Environment, Changed things for a lot of people: Black Women, Artists, Actors, Victims, and Survivors of Injustice and Discrimination; Gave Hope and a Promise that things Will Change; that things ARE CHANGING. And that is Not in Vain. My prayer is that we get to a point in this Industry where we don’t just Talk about it in 2 hour Mandatory Meetings. But we adhere to Keeping the Promises Made to Everyone on every set, Tirelessly Fulfilling their Dreams with Passion and Dedication. In order to Be the Change, I want to see, I will Continue to Work so that Casts & Crews alike finally See Words Align With Action. We’ve got to Do Better as an Industry. It’s just Talk until you actually Do Something. ❤️

A post shared by Afton Williamson (@therealaftonw) on

Il caso non ha oscurato la produzione; le riprese di The Rookie si stanno svolgendo tranquillamente a Los Angeles. Il protagonista Nathan Fillion ritroverà suoi due ex colleghi di Castle in un episodio in onda il mese prossimo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.