Katie Cassidy dice addio ad Arrow 8: ringraziamenti e lacrime sui social per “il ruolo che le ha cambiato la vita”

Katie Cassidy si prepara a dire addio ad Arrow 8 e alla sua Laurel Lance

80
CONDIVISIONI

Questo è solo il primo di una lunga serie di addii destinati a lacerare il cuore dei fan di Arrow 8. Già nei giorni scorsi Stephen Amell non si è tirato indietro quando è stato il momento di dire la propria sullo show e sul finale ormai sempre più vicino ed oggi è toccato a Katie Cassidy. Le riprese stanno andando avanti al galoppo e presto gli attori saranno pronti a dire addio ai loro ruoli e alla serie proprio mentre il pubblico inizierà la messa in onda prevista dal prossimo ottobre, almeno negli Usa.

Forse proprio in ottica di questo o, peggio, perché il suo personaggio è già uscito di scena, Katie Cassidy ha pensato bene di dire addio ad Arrow 8 e al suo pubblico tra ringraziamenti e “lacrime” per il “ruolo che le ha cambiato la vita”. In un tweet l’attrice scrive:

“Non riesco a credere che stiamo per finire … È surreale. Sono così grata di aver ottenuto il ruolo della vita! È stato un vero spasso. Inoltre, sono grata di aver avuto l’opportunità di essere scelta per la regia! Amerò questi momenti per sempre !!!!”

Katie Cassidy Rodgers ha interpretato due diverse iterazioni di Laurel Lance / Black Canary durante lo show e non si capisce bene ancora quale sarà il suo ruolo in quest’ultima stagione pronta a lanciare il mega crossover di dicembre che potrebbe segnare la fine di tutto e della vita dello stesso Oliver.

In un’intervista a ComicBook.com, lei stessa ha fatto notare che il team adesso potrebbe fidarsi di lei e questo la renderebbe protagonista di questo atteso finale che, lo ricordiamo, prenderà il via il 15 ottobre negli Usa mentre non ci sono ancora novità sulla messa in onda italiana che dovrebbe essere “riversata” ad Infinity e Sky, almeno nel primo passaggio.

Ecco il tweet dell’attrice:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.