Il Concerto Per La Vita di Mogol e Paolo Belli ad Assisi con Arisa, Masini, Fogli, Morgan e molti altri: ospiti e biglietti in prevendita

Al via la prevendita dei biglietti per l'evento a supporto dell'Istituto Serafico di Assisi

3
CONDIVISIONI

Dalla volontà di Mogol (ideatore e socio fondatore della Nazionale Italiana Cantanti) e di Paolo Belli (presidente Nic), condivisa con Gianluca Pecchini (direttore generale Nic), nasce il Concerto Per La Vita a favore dell’Istituto Serafico di Assisi, con il supporto di Città di Assisi – Cet – Nazionale Italiana Cantanti.

L’evento è in programma per venerdì 4 ottobre al Teatro Lyrick di Assisi dalle ore 21.00. Nel giorno dedicato a San Francesco, in cui si celebra anche la giornata nazionale del dono, Mogol e Paolo Belli presenteranno, accompagnati dalla Paolo Belli Big Band, il Concerto Per La Vita che accoglierà sul palco numerosi ospiti musicali italiani, alcuni dei quali sono già stati annunciati.

Al Concerto Per la Vita ad Assisi ci saranno Paolo BelliArisaNeri MarcorèSimone CristicchiMorganEnrico RuggeriMarco MasiniPupoRiccardo FogliPaolo VallesiRita PavoneMario LavezziAmaraGiuseppe AnastasiGianmarco Carroccia. Sono attesi altri ospiti a sorpresa

Gli artisti si esibiranno al Teatro Lyrick per sostenere l’Istituto Serafico di Assisi. L’incasso della serata sarà infatti devoluto all’Istituto.

I biglietti per il concerto saranno disponibili in prevendita dal 18 settembre sui circuiti TicketOne e TicketItalia. I prezzi vanno da 15 a 35 euro.
Radio Subasio sarà la radio ufficiale del concerto e trasmetterà in diretta l’intera serata, sia in FM che in streaming.

L’Istituto Serafico di Assisi da quasi 150 anni, rappresenta un modello di eccellenza italiana ed internazionale nella riabilitazione, nella ricerca e nell’innovazione medico-scientifica per i ragazzi con disabilità plurime. Bambini ciechi, sordomuti e autistici che, grazie ad oltre 160 collaboratori, hanno ogni giorno una vita più sopportabile e nuove speranze attraverso una ricerca a livello mondiale.  Un lungo percorso costellato di importanti traguardi, che non hanno mai rappresentato dei punti d’arrivo, bensì dei punti di partenza volti a conquistare l’unica meta cui il Serafico tende: continuare a crescere per garantire giorno dopo giorno ai propri ragazzi maggiori servizi e una migliore qualità della vita restituendo al tempo stesso al territorio umbro delle reali opportunità di sviluppo.
Come dice Mogol, “se il mondo fosse come il Serafico sarebbe un mondo perfetto”.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.