Il nuovo videoclip di Renato Zero girato sul Delta del Po

Il nuovo videoclip di Renato Zero è stato girato tra le meraviglie del Delta del Po

42
CONDIVISIONI

Il nuovo videoclip di Renato Zero è girato sul Delta del Po. Questa l’indiscrezione che riporta La Nuova Ferrara, che anticipa l’uscita della clip da presentare alla prossima edizione di IMAGinACTION a Ravenna.

Si tratta della clip di supporto a La Vetrina, nuovo singolo che Renato Zero ha estratto da Zero Il Folle e che ha reso disponibile per le radio a cominciare dal 13 settembre.

Come ha già avuto modo di dichiarare Stefano Salvati, si tratterà di una sorta di “kolossal” e che potrebbe essere rilasciato nei prossimi giorni, a ridosso della pubblicazione dell’album che è previsto per il 4 ottobre.

L’artista romano torna quindi alla musica leggera a tre anni da Alt, suo ultimo album pop prima della parentesi Zerovskij che ha concepito per i suoi primi 50 anni di carriera. La produzione dell’album è affidata Trevor Horn, così come accadde per 8 brani di Amo, con le sessioni di registrazione che sono terminate a Londra nel mese di giugno.

Ed è a Londra che Renato Zero ha girato il video di Mai Più Da Soli, primo estratto dall’album con il quale ha dato un primo assaggio di quella che sarà la musica inserita nel disco di cui si conosce la tracklist, con 13 brani che andranno a comporre la nuova opera dell’eclettico artista romano, con oltre 50 anni di carriera alle spalle.

Decisi anche i concerti a supporto di Zero Il Folle che inizieranno da Roma il 1° novembre. I biglietti per assistere ai concerti sono già in prevendita su Vivaticket, con 13 concerti per i quali è stato registrato il tutto esaurito.

In queste settimane, Renato Zero è stato ospite di Il Tempo Delle Donne, dove ha parlato del suo talento di narratore, ma ha anche chiuso il festival La Versiliana, nel quale è stato intervistato da Marco Travaglio per i primi 10 anni di Il Fatto Quotidiano.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.