Addio alle ricariche Vodafone di 5 e 10 euro tramite scratch card

Le scratch card da 5 e 10 euro per le ricariche Vodafone potrebbero essere tolte dal mercato dal 19 settembre

10
CONDIVISIONI

Ora è chiaro che Vodafone stia rimescolando le carte in tavola relativamente ai tagli di ricarica disponibili. Se vi avevamo parlato in questo articolo della sparizione della ricarica da 5 euro presso i canali di Banca 5 (potrebbe succedere altrettanto con i circuiti Lottomatica e Sisal, anche se non ce n’è ancora la conferma), quest’oggi, come riportato da ‘mondomobileweb.it‘, ci concentriamo sulle scratch card da 5 e 10 euro, acquistabili presso alcuni rivenditori fisici.

A partire dal 19 settembre potrebbe non essere più possibile avvalersi di quest’opzione. Una volta esaurite le ultime scorte, le scratch card da 5 e 10 euro cesseranno di essere fornite presso gli esercenti che ancora le vendevano. La notizia interessa solo le carte che si era soliti grattare, e che restituivano un codice da 16 cifre da digitare chiamando il numero ‘42010’, e seguendo le indicazioni della voce guid

Una perdita non troppo importante (al giorno d’oggi erano davvero in pochi ad avvalersi delle scratch card), che però, sommata alla sparizione delle ricariche Vodafone da 5 euro dai circuiti Banca 5 (gli unici tagli disponibili a partire da ieri 15 settembre sono quelli da 10, 20, 30, 50, 60, 100 e 250 euro, perdendo, a rigore di logica, anche la possibilità di poter ricaricare di 15 euro, venendo a mancare il taglio minimo di 5 euro, che solitamente veniva sommato a quello di 10 euro per ottenere l’importo di cui sopra, utile a coprire il canone mensile di molte offerte del gestore rosso), lascia un po’ pensare (nulla che debba preoccupare tutti quelli che sono soliti ricaricare attraverso l’app MyVodafone o tramite l’apposita area dedicata sul sito ufficiale). Al momento si tratta solo di indiscrezioni (almeno per quanto riguarda le scratch card, ndr.), seppur provenienti da una fonte accreditata come quella che vi abbiamo sopra citato. Staremo a vedere se troveranno conferme più avanti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.