Gli Strawberry Fields dei Beatles aprono ai visitatori, la sorella di Lennon: “John sarebbe felice”

I fan dei Fab Four potranno visitare il luogo che ha ispirato una delle canzoni più psichedeliche e monumentali degli anni '60

57
CONDIVISIONI

Dietro la psichedelica, malinconica e monumentale canzone dei Fab Four c’era tutta l’infanzia di John Lennon, e proprio per questo dal 14 settembre gli Strawberry Fields dei Beatles saranno visitabili dal pubblico. La battaglia è stata portata avanti da Julia Baird, sorella di John Lennon nonché presidente onoraria dello Strawberry Field Project, che finalmente vedrà la luce.

Lungo Beaconsfield Road nel quartiere Woolton, a Liverpool, sorge il cancello rosso dell’ex orfanotrofio gestito da Salvation Army sin dal 1934. Quando era piccolo, John Lennon era solito scavalcare le mura di cinta e giocare insieme ai suoi amici a nascondino. La casa dell’infanzia dell’ex Beatles, infatti, si trova poco distante dall’ingresso.

La struttura, oggi, ospita un edificio elegante, moderno e pieno di luce, diversamente dal fabbricato in stile gotico che era presente durante l’infanzia di Lennon. All’interno degli Strawberry Fields – il nome originale è Strawberry Field, ma John vi aggiunse il plurale -s – sarà presente una mostra permanente che ricostruisce gli anni in cui l’ex Beatles frequentava i bambini dell’orfanotrofio. Soprattutto, come riportato anche sul sito ufficiale del progetto, la struttura ospiterà sedute di formazione per i bambini con problemi famigliari e con disturbi dell’apprendimento.

Il ricordo di Julia Baird raccontato alla BBC è commovente:

Da bambini abbiamo tutti un posto un po’ nostro, un po’ speciale. Penso che lo avrebbe amato, perché lui stesso non era mainstream e ne era molto consapevole. John Lennon ha trovato rifugio qui da bambino e questo è esattamente ciò che vogliamo offrire aprendo le porte di Strawberry Field.

Pur esistendo da qualche anno, il progetto di riapertura degli Strawberry Fields dei Beatles non era ancora arrivato a una sua definizione, e per questo le centinaia di migliaia di fan che si recavano a Liverpool in pellegrinaggio potevano vedere la struttura solamente dall’esterno, dal caratteristico cancello rosso che finalmente, dal 14 settembre, aprirà le sue inferriate al mondo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.