Tema scuro per il Google Play Store: screenshot stupefacenti

Anche il Google Play Store sposa il tema scuro: le prime testimonianze da questi screenshot

Se anche il Google Play Store avesse un tema scuro? In effetti è proprio così: XDA Developers ne ha dato la prova concreta, fornendo anche gli screen di come sarà questa specifica modalità. I contenuti sono relativa ad un Google Pixel 2 XL equipaggiato con Android 10 (premettiamo che non tutti gli esemplari dotati di tale configurazione sono riusciti ad ottenere lo stesso risultato, figlio di test avvenuti lato server da parte di Google).

La versione del Google Play Store corrisponde alla numero build 16.6.25: il tema scuro pare essere comparso in seguito all’abilitazione della dark mode, direttamente dalle impostazioni di sistema dell’ultima major-release dell’OS mobile di Big G (non c’è stato bisogno di apportare modifiche dalle opzioni sviluppatore). Tra le schermate a cui è stato applicato il tema scuro al Google Play Store si annoverano quella principale, le impostazioni, le ricerche con relativi risultati, il dettaglio di ciascuna applicazione e le recensioni. Il colore scelto dal colosso di Mountain View non è proprio il nero, bensì il grigio scuro, che quasi gli si avvicina. Molto probabilmente i primi dispositivi che conosceranno il tema scuro del Google Play Store saranno i Google Pixel, che riceveranno in anteprima la versione finale di Android 10.

Un gran bel vedere, sia per gli occhi (che così avranno occasione di riposarsi dalle fatiche quotidiane e dal bagliore che ogni giorno viene emesso dai nostri schermi) che per la batteria (gli schermi OLED consumano molto meno quando proiettano colori scuri piuttosto che chiari), visto quanto sta spopolando la dark mode, che vedremo presto sui dispositivi Apple con iOS 13 e su quelli Android, con la prossima major-release dell’OS mobiel di Google. Abbiate pazienza: il tema scuro del Google Play Store arriverà anche per il vostro smartphone.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.