Senza sosta lo sviluppo di Huawei P Smart 2019: sta arrivando la patch B264

Cosa sappiamo sull'aggiornamento segnalato in Italia oggi 12 settembre per il pubblico

2
CONDIVISIONI

Si torna a parlare in queste ore di uno smartphone che ha ottenuto un successo superiore alle attese qui in Italia, in riferimento al cosiddetto Huawei P Smart 2019. A distanza di qualche settimana dall’ultima patch messa a disposizione del pubblico italiano, infatti, possiamo concentrarci nuovamente sul device grazie alla diffusione di un nuovo aggiornamento. Mi riferisco all’upgrade di agosto, con cui potremo fare un ulteriore step nel processo evolutivo dello smartphone Android.

Alcune informazioni utili in merito ci sono state fornite dal sito Huawei Blog, considerando il fatto che il sito tedesco ci parli chiaramente oggi 12 settembre di un firmware secondario. Scendendo maggiormente in dettagli, infatti, trapela un aggiornamento di 107 MB che sta arrivando OTA in Europa. Lo stesso changelog, infatti, non mette in evidenza ulteriori funzionalità per tutti coloro che speravano di fare un deciso passo in avanti nell’esperienza di utilizzo del device.

Come accennato, considerando anche il peso limitato del pacchetto software, è probabile che l’upgrade B264 faccia la propria apparizione qui in Italia entro il weekend. Al di là di un peso limitato per l’aggiornamento, è importante sottolineare che finalmente potremo andare incontro ad una maggiore stabilità di EMUI 9.1, dopo il suo esordio sul mercato per questo dispositivo qualche mese fa. Il resto ce lo diranno gli utenti appena il pacchetto software sarà disponibile su larga scala.

A voi è già pervenuta la notifica per installare il firmware che ho portato alla vostra attenzione oggi 12 settembre? Fateci sapere, così come invito tutti voi a commentare l’articolo di oggi qualora abbiate riscontrato dei dettagli che, fino a questo momento, non sono emersi all’interno del changelog per Huawei P Smart 2019. Soprattutto nell’ottica del miglioramento di EMUI 9.1.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.