Perché da giorni il sito e l’app Poste non funzionano? Risposta ufficiale e tempi ripristino

Finalmente le motivazioni reali che sono dietro ai malfunzionamenti di questi giorni

54
CONDIVISIONI

Siamo al terzo giorno effettivo in cui sia il sito che l’app Poste non funzionano del tutto o solo in parte per u numero non esiguo di clienti. In particolare, lo scorso martedì ma anche ieri e pure oggi, alcuni servizi online relativi a BancoPosta, PostePay e chi più ne ha più ne metta, si sono caratterizzati per errori di vario tipo.

Nella giornata di ieri, dopo l’analisi delle problematiche degli utenti e pure delle “condizioni” del servizio, ho ipotizzato che parte dei disservizi fossero riconducibili ad una serie di modifiche in atto per i sistemi di sicurezza garantiti dalle Poste, sia in app che sul sito da browser. In questi minuti, appunto, un feedback dell’azienda conferma lo stato attuale in maniera molto specifica.

Il social team dell’account ufffiiale WebPoste parla di interventi di adeguamento alla direttiva PSD2 che stanno avendo effetti sul sito e app Poste non funzionanti da qualche giorno. Il nuovo protocollo in tema di sicurezza, voluto dall’Unione europea, prevede la sparizione del vecchio lettore bancoposta a favore dell’autorizzazione in app, tra l’altro anche a due fattori, dunque con invio di codici di sicurezza sul numero di telefono. Quest’ultimo andrà necessariamente abbinato ad un conto o comunque ad un profilo.

Se dunque ancora sito e app Poste non funzionano ad oggi 12 settembre, ossia all’appuntamento del nuovo adeguamento alla direttiva PSD2, quando la situazione ritornerà alla normalità? Sempre l’account social fa riferimento ad un veloce ripristino della situazione, anche se senza alcuna tempistica fornita. Probabilmente i malfunzionamenti potrebbero ancora durare pure nelle prossime ore per poi scomparire del tutto quando il nuovo corso delle cose sarà entrato a regime e magari qualche bug di troppo sarà superato. Per il momento, purtroppo, non si potrà fare altro che pazientare.

Commenti (48):
plinfo101@yahoo.it

Inaccettabile,totale menefreghismo per tutti gli utenti registrati sul sito di POSTE ITALIANE… qui siamo al cane che si morde la coda, per accedere si richiede il numero telefonico già associato alla carta postepay,ma non fà accedere per confermare il numero stesso , nostante il nome utente , la pass e in aggiunta il codice fiscale !!!!!! risposta del sito :Le credenziali inserite non risultano corrette. Ti invitiamo a riprovare!!! Oggi ho scoperto di non sapere più come mi chiamo grazie ha POSTE ITALIANE .

Dany

Siamo il 20/09 oggi dopo una settimana ancora il problema non sia risolto. Che scandalo telefono per carità non sanno niente se voi parlare con qualcuno vogliono fare una cosa e non sono all’altezza.

antonella2191

Oggi 17 settembre per tre volte ho richiesto il codice via SMS e non è arrivato. I numeri verdi non rispondono ed il primo indicato nella pagina web risulta addirittura inesistente.
e quando ti rechi all’ufficio postale ti rispondono di chiamare il numero verde.

onesto_67

Ancora stamane si è nelle nebbia più fitta sul non funzionamento dei servizi online ed App. di Bancoposta. Gli operatori ormai non fanno altro che “consigliare” di recarsi all’ufficio postale perchè anche loro non sanno che dire, anzi lamentano che più clienti chiamano più si intasa il supporto tecnico. Ma di che parliamo, sembre di essere negli anni 70. Personalmente Poste Italiane mi ha rovinato perchè avrei dovuto fare un vaglia di mantenimento, ho anche provato presso l’ufficio postale ma ci si maschera che il sitema non funzione e quindi non fanno nulla ma scaldano la sedia e fanno anche la risatina come per dire….a me che mi frega tanto i problemi sono i tuoi. Vogliamo deciderci ad abolire tutto questo sitema Italia fallimentare e smettrla di subire. E’ mai possibile che in Italia le persone oneste devono sempre pagare per coloro, la maggioranza, che abusano rubano e chi più ne ha più ne metta e subire ancora come se fossimo nel medio evo?. Esistono paesi che per soli 0,1 cent fanno le rivolte civili ma noi, bigotti, pazientiamo. Che schifo

    Marco

    Ad un certo punto bisogna tagliare delle teste… Gli interventi di adeguamento alla Direttiva PSD2 hanno bloccato tutto! Da chi sono stati guidati? Licenziate sta gente!!!

Lele

Una vergogna sono giorni che sono bloccato non posso fare nessun tipo di operazione inserisco codice di 4 cifre che mi è stato mandato via sms e continua a dirmi NON SEI ATTIVO e al numero verde non sanno risolvermi la cosa ognuno con cui parlo mi dice una cosa diversa sto pensando di prendere un’avvocato e denunciarli.

Mike

Sono sopravvissuto dopo una settimana senza le App di Poste… Appena mi funzionerà di nuovo, prendo i miei soldi e CIAOOOOOONE!!!

Andrea

Sono bloccato all’estero con i figli piccoli, se entro domani non funziona penso ad una denuncia penale, nei confronti di Poste.

jamesc

Io riesco a entrare e vedere che ci sono i conti, ma non a entrare nel conto e vedere i saldi ad esempio. Mi da errato quando inserisco il codice sms fornito da loro. Non ho ancora capito se è obbligatorio avere uno smartphone con le app (che non ho) o se posso fare senza. In ufficio postale non hanno saputo darmi risposta…Voi che ne dite?

Angela

E anche oggi funziona domani…. Io lavoro in banca e lasciatemi dire che un disservizio del genere non sarebbe mai stato tollerato! Anche se si sapeva che Poste Italiane era molto ma molto in ritardo sul progetto PSD2…

      carletto13

      NO. Provato poco fà ore 13 del 17 settembre: con l’app del tablet si può entrare, ma non si può fare nulla. Con il pc non c’è verso nemmeno di fare il login. STRAMALEDETTI!!!!!

Lilly

Qualcuno dice che in poste italiane sono incapaci di chiedere supporto? Oppure poste italiane S.P.A. non vuole elargire stipendi decenti con contratti decenti a persone competenti che, come tali, hanno il loro costo???
Mi piacerebbe pensare che chi si appella alla pazienza è una dipendente poste italiane. Che il presunto informatico raccomandato sia un incompetente con un parente alla direzione.
Ma purtroppo non sono più gli anni 90 questi, e le cose sono peggiorate tantissimo rispetto a trent’anni fa. Persone incompetenti e persone competenti vengono entrambe e senza distinzione alcuna, assunte e licenziate di continuo. Pagate male, convinte di non valere nulla per poterle sottopagare.
Non imparano, non evolvono, non offrono più competenza anche quando l’avrebbero avuta.
Poste italiane S.P.A. offre un servizio sempre più scadente negli ultimi anni, e questa è parte della spiegazione

Lilly

Per accedere alle funzionalità del proprio conto ci sarà bisogno di un codice di 4 cifre ricevuto via SMS all’apertura del conto…!!! Quando ho aperto il conto non esistevano i cellulari!!! Ma questi sono fuori di testa?

Ludobianca

Purtroppo sembra di essere nelle mani di “Cosa Nostra”: stare zitti e aspettare tanto nessuno ti si fila, nonostante stiano “giocando” con i soldi che gli abbiamo affidato, e anche a caro prezzo! Non rispondono alle chiamate, non rispondono ai messaggi… dovevano essersi adeguati già prima dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni e non fare esperimenti da incompetenti a posteriori, sulla nostra pelle. Che glie ne frega se noi non riusciamo a pagare in tempo la bolletta della luce o la rata del mutuo? Penseranno che tanto uno abbia tempo da perdere e vada, in alternativa, a fare una fila di ore all’Ufficio Postale che in questi giorni, proprio a causa di questi casini, è diventato un vero “bordello”. Leviamogli i nostri soldi!

Gianna

Anche basta! È da 3/4 giorni che non si riesce a fare niente. Non è concepibile che un sito delle poste italiane abbiano problemi di così lunga durata. Siamo in grosse difficoltà. Fate presto

onesto_67

ancora ad oggi il sito bancoposta non mi fa effettuare operazioni procurandomi enormi danni soprattutto per invio vaglia di mantenimento figli. Chi mi pagherà le conseguenze. Ormai anzicchè progradire con nuove tecnologie si peggiora sempre più. I paritetici siti delle poste bank europei innanzitutto sono evoluti ma gli eventuali disservizi vengono espressamente comunicati con data ed ora sia di inizio che di fine. In Italia è sempre tutto lasciato al caso ma cosa più grave è che anche inviando comunicazioni alle poste/bancoposta nessuno si degna di rispondere. W l’Italia dell’incompetenza.

loredana

ho problemi a entrare come vedo e leggo a parecchia gente… qualcuno puo darmi informazioni per quanto tempo ancora ?

Anna

Non mi sembra il caso di passare alle banche. L’App bancoposta ha sempre funzionato perfettamente. Ci vuole un po’ di pazienza e tutto si sistemerà …

    mart

    anche oggi non funziona che stanchezza, l’altro ieri ero riuscita a parlare con un operatore per avere una nuova passward, purtroppo niente da fare. Qualcuno aveva detto che potevano aver akerato il sito BOHHHHHH

    onesto_67

    Anna questo è il problema del perchè le cose in Italia vadano come vanno, la pazienza è per altre cose non per chi procura disservizi. Siamo prossimi al 2020 e persone come te che si affidano alla pazienza evidentemente fanno parte di coloro che hanno ridotto l’Italia a quello che è oggi. Ritengo che il tuo commento non trovi giustificazioni a riguardo

Dario

la app delle poste si puo aggiornare ed è funzionante . sul sito delle poste ancora non si può accedere .

gemma

anche oggi 14 settembra impossibile collegarsi al sito poste italiane, impossibile contattare un operatore

E.B.

Una vergogna. il telefono è costantemente fuori servizio. Non ti fanno parlar econ un operatore. Devo pagare le utenze ed è tutto bloccato e non si sa come fare. Nessuno che ti dice cosa fare. Da denuncia.
CAMBIAMO TUTTI…. passiamo alle BANCHE.
Il servizio Bpiol Key è totalmente allo sbando, ora chiede 2 cose il PIN e la PASSWORD … quest’ultima non si sa quandomai è stata generata e soprattutto come fare per generarla. Non c’è una procedura di rcupero password… Ma chi è il sistemista che ha progettato questa follia!?!?! Un pazzo!!!!

Daniele

E tutto il giorno che cerco di accedere e avere un contatto con un operatore senza risposta. una vergogna. Se fattibile Poste Italiane da abbandonare prima possibile.

diciolla.renato.06@gmail.com

Inconcepibile ció
che succede 40 telefonate senza avere risposta se non la cantilena di una registrazione anche noiosa e non chiara, davvero pentito di essere passato a poste mobile sim, scarsissima copertura

fedalex

funzionava tanto bene prima con il lettore bancoposta, se una cosa funziona perchè cambiarla provocando così tanti disagi e disservizi??

fabo

Se uno ha il telefono scarico si puo collegare con le proprie credenziali da un Pc qualsiasi ??? Come potrà effettuare i pagamenti se il lettore non potrà essere utilizzasto. Per le scadenze in corso come dovrà fare visto che non si può
recare presso l’ufficio postale.

Davide

Una vergogna! Un azienda come Poste dovrebbe avere persone competenti per gestire progetti complessi come la PSD 2! Non mi risulta che le altre banche italiane abbiano bloccato il servizio ai loro clienti per la PSD2…

      onesto_67

      PSD2 non ha nulla a che fare con le problematiche in essere, il problema è che il dipartimento di sviluppo software è evidentemente incompetente. In altri paesi ci sarebbe stato un licenziamento in tronco per tali incompetenze. Provate a dare uno sguardo al sito svizzero postfinance.ch è puro futuro, ma anche in germania/belgio ed UK. Siamo anche incapaci di chiedere supporto a chi ne sa più di noi.

        Dali

        La comunicazione ufficiale di Poste dice “ti informiamo che sono in corso degli interventi di adeguamento alla Direttiva PSD2 sui canali Web e App”. Come puoi affermare che PSD2 non ha nulla a che fare?

Roberto

Problemi anche questa mattina 13 settembre 2019. Vorrei aggiungere una cosa: per entrare da Poste.it per vedere il prorprio conto, bisogna associare il proprio numero di cellulare (altrimenti non entri). Ma se uno non ha il cellulare con internet o ne ha uno vecchio senza internet non potrà mai più vedere il proprio conto online. Ciò dovrebbe essere considerato discriminante! Bisognerebbe intervenire! Non si possono avere persone di serie A e di serie B!

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.