Gli animalisti contro Taylor Swift per la sua partecipazione alla Melbourne Cup: “I cavalli vengono maltrattati, rinuncia”

La popstar non ha ancora risposto all'appello, che intanto è diventato una petizione

6
CONDIVISIONI

La presa di posizione degli animalisti contro Taylor Swift non si è lasciata attendere, dopo che la popstar ha manifestato il suo entusiasmo nell’annunciata partecipazione alla Melbourne Cup durante un’intervista rilasciata all’Herald Sun. La Melbourne Cup è una venue che ogni anno si tiene a Victoria, in Australia, durante la quale si assiste a corse di cavalli. L’autrice di Lover presenzierà all’evento il 5 novembre con due tracce estratte dal nuovo disco.

La risposta dell’associazione animalista Coalition for the Protection of Racehorses è arrivata poche ore dopo con un comunicato diffuso attraverso la pagina Facebook del gruppo:

Taylor Swift sceglie i soldi anziché la compassione, accettando di esibirsi alla Melbourne Cup 2019. Un evento in cui almeno 6 cavalli sono stati uccisi negli ultimi 6 anni. Con il suo grande successo poteva facilmente permettersi non solo di dire di no, ma anche di sfruttare l’opportunità per aiutarci a salvare i cavalli e a combattere la crudeltà delle corse.

Infine:

I cavalli vengono uccisi per profitto e intrattenimento. Se Taylor Swift si prende veramente cura degli altri animali nel modo in cui sembra preoccuparsi dei gatti, dovrebbe annullare il suo spettacolo e fare una dichiarazione forte per dire che l’abuso di animali è inaccettabile.

Per il momento la popstar non ha risposto all’appello. Nel frattempo il messaggio degli animalisti contro Taylor Swift è diventato una petizione pubblicata su Change.org sintetizzata nell’hashtag #NupToTheCup. La presenza della cantautrice alla Melbourne Cup sarà l’unica apparizione pubblica in Australia, il Paese in cui – riporta il Guardian – l’album Lover è stato venduto di più, e per questo il direttore del Victoria Racing Club non nasconde il suo entusiasmo, definendo “fenomenale” l’evento che vedrà le corse dei cavalli e l’esibizione della Swift al costo di un solo biglietto d’ingresso.

La petizione degli animalisti contro Taylor Swift, mentre si scrive, ha raggiunto le 644 firme.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.