Alexander Skarsgard dimentica Big Little Lies per The Stand L’Ombra dello Scorpione al fianco di Whoopi Goldberg

Alexander Skarsgard sarà al fianco di Whoopi Goldberg nella serie di Stephen King The Stand

Novità importanti in arrivo per i fan di Alexander Skarsgard e di Big Little Lies visto che toccherà proprio al nostro amato/odiato Perry prestare il volto al protagonista di The Stand, meglio nota come L’Ombra dello Scorpione, la nuova serie nata dal genio (e dalla penna) di Stephen King. A rivelare i nomi importanti del suo cast è stato proprio il papà della serie che andrà in onda su CBS All Access e che vedrà proprio Alexander Skarsgard nei panni del protagonista, Randall Flagg.

Stephen King è apparso su The View per annunciare alcuni nuovi membri del cast di The Stand L’Ombra dello Scorpione ovvero coloro che si uniranno a James Mardsden e Amber Heard, alias Stu Redman e Nadine Cross. Randall Flagg è apparso per la prima volta nel romanzo di King nel 1978, ma da allora è diventato una presenza ricorrente anche in altre storie, sotto vari pseudonimi, che sia proprio questo il destino di Alexander Skarsgard?

In generale, il suo Randall Flagg è un malfattore che ha abilità mistiche / soprannaturali come negromanzia, profezia e stregoneria e cerca di causare conflitti e distruzioni, una figura demoniaca che appare nel mondo distopico e dopo un’apocalittica pestilenza. Sarà su queste ceneri che lui costruirà la sua comunità di criminali e tiranni che finirà per scontrarsi con la comunità della benevola Madre Abagail che avrà il volto di Whoopi Goldberg.

A loro si uniranno anche Jovan Adepo, nei panni di Larry Underwood, Owen Teague in quelli di Harold Lauder, Brad William Henke in quelli di Tom Cullen, Daniel Sunjata in quelli di Cobb. La miniserie in arrivo dovrebbe vedere la luce ormai il prossimo anno ma non ci sono ancora notizie ufficiali a riguardo. Alla regia della serie ci sarà Josh Boone, autore anche della sceneggiatura in collaborazione con Ben Cavell.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.