Una superba Jessica Biel nel primo promo di Limetown per Facebook Watch

Jessica Biel torna con Limetown, questa volta per Facebook Watch

3
CONDIVISIONI

Jessica Biel è stata mitica nella prima stagione di The Sinner e ha lasciato ai suoi fan l’amaro in bocca dicendo no ad un ritorno nei capitoli seguenti e adesso la ritroviamo, superba, nel primo promo di Limetown, la nuova serie di Facebook Watch. Le immagini confermano ancora una volta la bravura dell’attrice che questa volta si troverà protagonista di un mistero riguardante una sparizione di massa nell’adattamento dell’omonimo e popolare podcast di Zack Akers e Skip Bronkie.

Le premesse e le promesse non mancano visto che la serie dovrebbe tenere il pubblico con il fiato sospeso dall’inizio alla fine con un colpo di scena alla fine di ogni episodi fino al gran finale, ma sarà davvero così? Non è la prima volta che la serialità ci regala sparizione di massa, gente che ricompare dopo tanti anni e misteri simili, perché questa volta dovrebbe essere diverso?

La trama di Limetwon recita:

Lia Haddock, giornalista della American Public Radio pensa di poter svelare il mistero dietro alla scomparsa di oltre 300 persone in una comunità di ricerca sulle neuroscienze nel Tennessee.

Ecco il trailer della serie:

Lo stesso video mostra la giornalista interpretata da Jessica Biel introdurre questo mistero al suo microfono e poi recarsi sul posto per scoprire la verità finendo lei stessa in una rete di pericoli, minacce e presenze. Nel cast della serie che prenderà il via il 16 ottobre su Facebook Watch, ci saranno anche Marlee Matlin (The Magicians), Kelly Jenrette (The Handmaid’s Tale), John Beasley (The Immortal Life of Henrietta Lacks), Sherri Saum (Marvel’s Agents of SHIELD), Omar Elba (A Hologram For the King), Louis Ferriera (The Man in the High Castle) e Janet Kidder (Arrow).

Limetown debutterà con un doppio episodio ripercorrendo le tappe della prima stagione del podcast (che nel 2018 si è arricchito con una seconda).

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.