In netto anticipo Android 10 sui Samsung Galaxy: il bollettino oggi 11 settembre

Tutte le informazioni che potrebbero fare la differenza, in attesa di segnali direttamente dal produttore asiatico

17
CONDIVISIONI

Potremmo andare incontro ad una decisa accelerazione per quanto riguarda i tempi di rilascio dell’aggiornamento con Android 10 a bordo dei Samsung Galaxy. Ovviamente con una corsia preferenziale per i principali top di gamma. Come i nostri lettori ricorderanno, nei giorni scorsi abbiamo parlato della probabile lista di dispositivi destinati a fare questo step, nonostante il colosso coreano non si sia mai sbilanciato sotto questo punto di vista. Oggi 11 settembre, però, tocca andare oltre e concentrarsi su importanti novità che giungono soprattutto dagli Stati Uniti.

Scendendo maggiormente in dettagli, ritengo sia significativo citare una fonte come The Android Soul, che ha menzionato l’operatore americano T-Mobile ed il relativo avvio dei test su Android 10 per quanto riguarda il Samsung Galaxy S10 ed il Galaxy Note 10 (al momento pare essere escluso dal discorso il cosiddetto S10e). Non ci sono ancora i presupposti per parlare in modo pratico della beta, ma quanto emerso nelle ultime ore comporta ugualmente un anticipo di oltre tre mesi sulla normale tabella di marchia del colosso asiatico. Questo, almeno, in riferimento all’approccio avuto negli anni scorsi con nuovi upgrade di un certo peso.

Allo stato attuale delle cose, dunque, è lecito immaginare che l’avvio del programma beta ufficiale per i suddetti Samsung Galaxy in procinto di andare incontro ad Android 10 possa aversi durante il mese di settembre. Quanto tempo dovremo attendere per l’aggiornamento nella sua versione definitiva? Incastrando i pezzi del puzzle, si può a questo punto ipotizzare un rollout entro la fine del 2019.

Ovviamente siamo tutti in attesa di una comunicazione ufficiale da parte del produttore in grado di fare chiarezza una volta per tutte sullo stato dei lavori di Android 10 per i Samsung Galaxy destinati, nelle prossime settimane, a ricevere per primi l’aggiornamento. Che idea vi siete fatti sotto questo punto di vista? Fatecelo sapere nei commenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.