Il nuovo singolo di Renato Zero è La Vetrina: annunciato il prossimo estratto da Zero Il Folle

La Vetrina è il nuovo singolo di Renato Zero in radio dal 13 settembre

1
CONDIVISIONI

La Vetrina è il nuovo singolo di Renato Zero da Zero Il Folle. Il brano sarà disponibile per le radio a cominciare dal 13 settembre e rappresenta il 2° estratto dal disco che il cantautore romano rilascerà il 4 ottobre prossimo prima del tour.

Il brano fa anche parte delle 13 tracce annunciate per il disco che rappresenta un ritorno alla musica leggera dopo l’esperimento di Zerovskij, nel quale l’artista ha vestito i panni di un insolito capostazione, con l’intento di festeggiare i suoi primi 50 anni di carriera.

Dall’album, Renato Zero ha già estratto Mai Più Da Soli, per il quale ha già rilasciato il video ufficiale girato a Londra mentre stava terminando le registrazioni del nuovo album di inediti, sotto la produzione di Trevor Horn.

Il video ufficiale per il singolo da portare in radio si sta girando in questi giorni e sarà portato anche alla terza edizione di IMAGinACTION, che si terrà nel mese di ottobre a Ravenna.

La musica del nuovo album sarà portata anche in tour, a cominciare dalla data del 1° novembre al Palazzo Dello Sport di Roma, nel quale inaugurerà la serie di concerti che concluderà a Bari nelle date che ha annunciato per il mese di gennaio.

Zero Il Folle, già definito come l’album più rivoluzionario di Renato Zero, rappresenta il naturale erede di Alt, sua ultima fatica su lunga distanza, che ha pubblicato nel mese di aprile del 2016 e che ha anche portato sul palco in una tre giorni sold out all’Arena di Verona, rinnovata con i concerti nei palasport che ha terminato con i live ad Acireale.

Sono quindi pochi i giorni che ci separano dal rilascio del nuovo album che è stato annunciato per il 4 ottobre e del quale si conosce già la tracklist oltre a una singolare copertina che è già stata definita “senza compromessi”.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.