Green Day a Milano nel 2020, biglietti in prevendita per l’unico concerto in Italia

Un grande annuncio per i fan italiani: i Green Day saranno in concerto nella penisola il prossimo anno!

20
CONDIVISIONI

Green Day a Milano nel 2020 per un unico concerto in Italia. Era attesa una grande notizia alle ore 18.00 di oggi e in modo puntuale è stata svelata: si tratta delle date del tour mondiale dei Green Day che farà tappa anche in Italia per un unico evento atteso a Milano.

Vincitori di 5 Grammy Awards e inseriti nella mitica Rock and Roll Hall of Fame, i Green Day annunciano ai fan italiani che il 10 giugno 2020 all’Ippodromo SNAI San Siro di Milano suoneranno dal vivo. Il gruppo annuncia anche il rilascio del nuovo singolo Father Of All…, primo estratto dal loro tredicesimo album in studio (dal titolo omonimo), in uscita il 7 febbraio 2020 su etichetta Reprise/Warner Records.

Il tour modiale, al via nel 2020, segue la pubblicazione del nuovo progetto discografico del gruppo e lo riporta dal vivo sui palchi di tutto il continente. L’Italia non poteva essere esclusa dal lungo giro live dei Green Day: li accoglierà all’Ippodromo SNAI di San Siro il 10 giugno.

I biglietti per il concerto saranno disponibili in prevendita in anteprima per i possessori di Carta American Express a partire dalle ore 10.00 di martedì 17 settembre. Gli iscritti a MyLiveNation potranno acquistarli attraverso una pre-sale riservata dalle ore 10.00 di giovedì 19 settembre. Entrambe le pre-sale chiuderanno alle ore 17:00 di giovedì 19 settembre e la prevendita generale partirà alle ore 10.00 di venerdì 20 settembre su www.ticketmaster.itwww.ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati.

Nel 2020 i Green Day saranno impegnati nel tour mondiale negli stadi con i co-headliner Weezer e Fall Out Boy. The Hella Mega Tour è atteso al via il prossimo 13 giugno 2020 da Parigi. La tournée toccherà molte città europee ed americane e porterà i gruppi anche in Asia.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.