Wind mette tutti in riga: GigaWind 1 a 3 euro per quelli che violano il contratto

Alcuni clienti Wind si sono visti attivare il piano GigaWind 1 in automatico violando le condizioni di contratto

6
CONDIVISIONI

La situazione di fronte alla quale potrebbe mettervi di fronte Wind potrebbe non piacervi affatto: come riportato da ‘mondomobileweb.it‘, nel caso in cui, per qualsivoglia motivo, doveste superare le soglie consentite nell’ambito del vostro bundle voce, SMS e dati, andreste incontro a delle ‘sanzioni’. Ci sono testimonianze di chi – soprattutto avendo attiva l’offerta ‘Call Your Country’, si sono accorti all’improvviso dell’attivazione sul proprio numero di telefono del piano ‘GigaWind 1‘, avente un costo mensile di 3 euro per l’erogazione di 1GB in 4G, oltre che di minuti e SMS con tariffazione a consumo (29 cent/minuto senza scatto alla risposta e 29 cent per ogni SMS inviato).

Non è ancora dato sapere se l’attivazione del piano a consumo ‘GigaWind 1’, che sfugge alla volontà degli utenti coinvolti, comporti la conseguente disattivazione della propria offerta tutto incluso (indagheremo a riguardo e ve lo faremo sapere al più presto possibile). Nel caso in cui violiate le condizioni generali di utilizzo (che avete accettato di rispettare, magari anche inconsapevolmente, firmando il contratto della vostra SIM), vi ritroverete attivati forzatamente il piano a consumo ‘GigaWind 1’, tutt’altro che vantaggioso (al costo di 3 euro mensili non eroga ‘nulla’ di particolare; fareste bene a stargli alla larga). Il ‘fair use’, ovvero l’utilizzo corretto che si fa del proprio bundle, viene violato contravvenendo all’osservazione di alcuni parametri, tra cui quelli che vi elencheremo a seguire, nel dettaglio.

In primo luogo, il traffico in uscita quotidiano per ogni SIM Wind non dovrà essere superiore ai 160 minuti e/o 200 SMS o MMS. Quello mensile, invece, non dovrà andare oltre i 1250 minuti e/o 2000 SMS/MMS. Il traffico in uscita giornaliero o mensile per ogni SMS verso altri gestori telefonici non dovrà andare oltre il 60% del traffico in uscita generale, e non potrà comunque superare il 50% del traffico generale verso le numerazioni mobili. Vi vedrete attivato il piano a consumo ‘GigaWind 1’ anche nel caso in cui il traffico uscente, quotidiano o mensile, verso un unico gestore mobile che non sia Wind superi il 40% del traffico totale, e comunque superi del 30% del traffico complessivo verso mobile. Un altro limite da rispettare per non far indispettire il gestore arancione è questo: il traffico in uscita, sempre giornaliero o mensile, verso altri numeri Wind non deve superare l’80% del totale. Infine, il traffico quotidiano, in entrata od in uscita, che abbia per fine l’autoricarica, non dovrà superare le due ore di conversazione ed i 50 SMS o MMS.

Facciamo anche presente che per le offerte che includono traffico illimitato senza alcuna soglia possono considerarsi esonerate dall’osservazione dei precedenti parametri, a patto che si rispetti quanto segue: il traffico quotidiano in uscita verso altri gestori non dovrà superare il 60% del totale, la proporzione tra traffico quotidiano in uscita verso gestori diverso e quello in entrata da altri operatori non maggiore di 3 (sebbene, per la salvaguardia dei parametri appena citati, non vi sia alcun automatismo come nel caso dell’attivazione forzata del piano a consumo ‘GigaWind1’ al costo di 3 euro al mese per i pochissimi vantaggi che offre e di cui vi abbiamo sopra parlato più diffusamente).

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.