Corey Taylor parla della nuova maschera degli Slipknot: “Non vi piace? Chi se ne frega”

Il make-up è del maestro dell'horror Tom Savini

18
CONDIVISIONI

Dopo un hype alimentato da alcuni dettagli pubblicati sul suo profilo Instagram prima dell’uscita dell’album We Are Not Your Kind, la nuova maschera degli Slipknot comparsa dalla pubblicazione del primo estratto Unsainted ha diviso il pubblico. Se ne è accorto anche il frontman Corey Taylor, che durante un’intervista rilasciata al programma WAAF di una radio di Boston, condotto da Mistress Carrie, ha risposto alle polemiche.

In primo luogo, Taylor ha raccontato la genesi della nuova maschera: progettata dal maestro dell’horror Tom Savini (ha diretto il remake del 1990 de La Notte Dei Morti Viventi e ha curato il make-up di capolavori come ZombiDal Tramonto All’Alba), è nata dall’idea di Taylor di creare un qualcosa che somigliasse a un fai-da-te (in americano DIY, “Do It Yourself) per “ragioni nefaste”, per questo la nuova maschera è semi-trasparente.

L’ispirazione è dovuta al film Alice, Sweet Alice, uno slasher-movie del 1976 firmato dal regista Alfred Sole in cui un bambino indossa una maschera semi-trasparente. L’effetto, come ricorda Corey Taylor, è disturbante. Il frontman ricorda, a tal proposito, le prime reazioni delle persone:

Poi ho ricevuto alcuni feedback da alcune persone, che mi hanno mostrato un punto di vista differente rispetto ad altre persone che erano cresciute con le ustioni: in realtà la maschera assomiglia a quel nuovo tipo di pelle che si indossa mentre la le ferite stanno guarendo.

Infine, il frontman parla della reazione dei fan:

In realtà la maschera era più in linea con ciò di cui parlavano i testi dell’album. È stato davvero bello poter in qualche modo presentare qualcosa che toccasse nel profondo le persone, in un certo senso. So che a molti persone non è piaciuto, ma sinceramente non mi interessa. L’album racconta come si risorge dal dolore per conquistare una rinascita, e la maschera rappresenta proprio questo.

Il 2019, in ogni caso, è un anno prolifico per la band di Des Moines. Dopo l’ultimo album, Corey Taylor e soci pubblicheranno 11 outtakes dei tempi di All Hope Is Gone e sarà un nuovo album a tutti gli effetti. Se per quell’occasione vedremo una nuova maschera degli Slipknot è tutto da vedere, ma la band di Duality non è nuova alle sorprese.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.