Calciomercato. Juve comanda. Napoli bene ma non benissimo. Inter più forte

La Juve resta in vantaggio, il Napoli bene ma forse incompiuto, Inter sulla strada giusta. Roma e Lazio, Milan e Toro lontane dalle big del torneo. Atalanta da decifrare

161
CONDIVISIONI

Non c’è più tempo per chiacchiere ed illusioni. Il passaggio di Icardi al PSG e quello di Verdi al Torino sono le due operazioni più eclatanti a conclusione di un calciomercato troppo lungo ed estenuante.

Il calciomercato è la fiera delle illusioni, appassiona i tifosi che sognano i colpi più impossibili salvo poi fare i conti con la brutale realtà dei bilanci, delle plusvalenze, delle clausole, dei bonus e dei diritti d’immagine.

Al fischio finale del calciomercato la realtà consegna agli allenatori gli organici definitivi, almeno fino alla sessione invernale e salvo qualche rara ed improbabile operazione con atleti svincolati.

La Juventus mantiene il suo predominio. Non è riuscita a sfoltire l’organico, specialmente nel reparto avanzato, ma con De Ligt ha puntellato in modo formidabile il reparto arretrato e si ritrova in casa un Higuain voglioso di riscatto. Dopo il calciomercato, in Italia resta in vantaggio su tutte le rivali; in Europa vedremo.

Eccellente il calciomercato del Napoli in uscita con la ciliegina sulla torta della cessione di Verdi che mai realmente aveva convinto tecnico e tifosi. Ottime anche le operazioni in entrata: Di Lorenzo, Manolas e Lozano autori delle tre reti allo Stadium. La squadra è migliorata ma appare incompiuta per il mancato arrivo del trequartista desiderato da Ancelotti che con tutta probabilità sarà costretto a modificare modulo rispetto alle intenzioni iniziali. Eppure già dal mese di Aprile il tecnico aveva indicato con chiarezza su quali aree intervenire per potenziare la squadra. In ogni caso il Napoli sarà protagonista in Italia ed in Europa.

Il balzo in avanti più importante l’ha compiuto l’Inter che però aveva un ritardo importante da colmare rispetto a Juventus e Napoli. Antonio Conte e Marotta hanno imposto la propria linea: via Icardi, Perisic e Naingolan; benvenuti Lukaku e Godin ed un’altra batteria di giocatori di buon livello. Si volta pagina in casa nerazzurra. Gli uomini di Conte sono certamente in grado, dopo il calcio mercato, di contendere al Napoli il ruolo di antagonista della Juventus.

La Lazio e la Roma hanno conservato pedine importanti come Milinkovic Savic e Dzeko ma non possono ambire a nulla più del quarto posto l’ultimo utile per la Champions 2020-2021. L’Atalanta ha operato con saggezza ma è difficile che possa ripetere, con il piacevole fardello del girone di Champions, la scorsa stagione in Italia. Torino e Milan restano lontane dalle migliori mentre la Fiorentina ha già messo in discussione Montella.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.