Kristen Bell in difesa del finale di Veronica Mars 4: “Senza conflitti non c’è spettacolo”

La protagonista Kristen Bell difende Veronica Mars 4 dalle proteste del pubblico, ma intanto il rinnovo per la quinta stagione non arriva

L’idea di uccidere uno dei personaggi principali e certamente tra i più amati dal pubblico potrebbe aver decretato la fine di Veronica Mars. Il revival di Hulu, tecnicamente la quarta stagione della serie, non è stato ancora rinnovato dalla piattaforma streaming e l’accoglienza ricevuta dagli 8 nuovi episodi rilasciati lo scorso luglio non fa ben sperare.

ATTENZIONE SPOILER!

A deporre a sfavore di un ritorno di Veronica Mars con una quinta stagione è la reazione del pubblico a quel finale shock in cui viene sacrificato il grande amore della protagonista: la morte di Logan, per mano dell’attentatore cui Veronica ha dato la caccia per l’intera stagione, ha suscitato proteste e accuse di sessismo da parte di molti dei seguaci storici della serie.

Il creatore e sceneggiatore Rob Thomas ha giustificato la scelta di far fuori il personaggio – peraltro dopo il matrimonio con Veronica – con la necessità di rendere la protagonista indipendente e pronta a vivere una vita da vera detective, avventurosa e senza legami come nei classici di questo genere letterario e televisivo. Il suo obiettivo è farne uno show di lunga durata, ma per molti l’idea che un matrimonio o un legame stabile siano d’ostacolo alla carriera di una donna è un ragionamento ormai superato e quasi offensivo per le donne stesse.

Non la pensa così la protagonista Kristen Bell, che in un’intervista a Collider ha spiegato di avere accettato di buon grado una scelta creativa così dura e certamente irreversibile perché convinta che sia funzionale alla trama e alla sopravvivenza stessa dello show, sebbene la reazione del pubblico sia stata molto più critica di quanto prevedesse.

È stata più grande di quanto mi aspettassi. Alcune persone avevano Veronica Mars con un simbolo barrato come avatar. Così ho capito che questo ha ferito le persone. Non so nemmeno se dovrei parlarne perché non voglio far arrabbiare nessuno, ma mi è permesso di esprimere la mia opinione. Spero che la gente riconosca che senza conflitti, non c’è spettacolo. Sarebbero insoddisfatti se avessimo uno spettacolo perfetto. Sarebbe monco. Non avrebbe alcuna novità, alcun progresso nella vita di Veronica.

La Bell sposa dunque la tesi del suo showrunner: per aprire la strada ad una eventuale quinta stagione era necessario uno shock che rimettesse in discussione la vita di Veronica e che la spingesse a non mettere radici, a restare indipendente e ad affermarsi professionalmente correndo i rischi del mestiere senza la paura di perdere qualcuno. L’azzardo di Thomas, però, finora non ha portato da nessuna parte: il pubblico ha bocciato il revival e Hulu non lo ha ancora rinnovato, scommessa persa?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.