Il falso addio di Rocco Hunt alla musica, il rapper risponde: “Non era marketing”

5
CONDIVISIONI

Ancora su quel finto addio di Rocco Hunt alla musica e ancora su quanto è accaduto dopo, Rolling Stone ha scelto di intervistare il rapper di Salerno mentre si trova a Milano per l’instore tour con il quale sta presentando Libertà, il disco in uscita il 30 agosto. È ormai noto a tutti ciò che accadde sui suoi canali social a luglio: Rocco aveva annunciato di voler mollare tutto:

Ho troppe pressioni e forse è arrivato il momento di mollare tutto e darla vinta a tutte le persone che vorrebbero la fine della mia musica. Ho creato tante aspettative che non riesco a mantenere. Ho sentito il bisogno di sfogarmi con voi e dirvi che per adesso mollo tutto. Purtroppo mi sembra la decisione più onesta da prendere.

Poco dopo il rapper aveva annunciato il nuovo disco Libertà ma in tantissimi si erano già fatti un’idea: quel messaggio, secondo i più, era una mossa di marketing. Rolling Stone lo ha raggiunto per avere chiarezza una volta per tutte, e Rocco ha spiegato che il disco sarebbe dovuto uscire due anni fa ed era slittato almeno tre volte:

La copertina era pronta e i pezzi erano ormai quasi finiti. Ci siamo seduti ed è venuto fuori che c’era il rischio di farlo slittare per l’ennesima volta. Davanti a questa ipotesi ho reagito come sappiamo tutti.

Dopo la ritrovata pace è arrivato l’annuncio dell’album, e a quel punto gli viene chiesto se fosse una strategia di marketing ben confezionata:

Il marketing è stata sempre l’ultima cosa a cui ho badato. Anche se al giorno d’oggi è fondamentale. Credo che, se l’idea fosse stata quella, sarei potuto ricorrere ad altre strategie di marketing. Anche perché c’è stata confusione.

In poche parole, travolto dagli intralci che si presentavano per l’ennesima volta con la pubblicazione del nuovo disco, Rocco Hunt avrebbe solamente trovato un modo per alzare la voce.

La sua risposta si può contestare, perché il modo più funzionale per fare marketing corre proprio sui social e dedicare alla propria bacheca un messaggio in cui si afferma di voler farsi da parte per un po’ attira inevitabilmente views, reazioni, interazioni, condivisioni e commenti, dunque trends. Quell’impulsivo addio di Rocco Hunt alla musica ha scatenato ciò che il rapper chiama “bordello”, ma – secondo Rocco – è stata anche la fortuna dei giornalisti, che hanno montato il caso e hanno fatto sì che si attivasse la macchina di produzione del disco, facendogli ottenere una data di pubblicazione.

Commenti (1):
kiki

non capisco perchè dedicare tante righe a un signor nessuno. vorrei consigliarvi di guardare ad est, in serbia per es., c’è tantissima roba buona e genuina, a questi rapper casalinghi certi gruppi gli fANNO PELO E CONTROPELO. date retta, ci sono appena stata ed ho visto dei concerti da rimanere di stucco. il mondo è grande belagioia! :))

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.