Subito in azione Android 10 sul Samsung Galaxy S10: nuove gesture in video

Svolta interessante per tutti coloro che sono in attesa del tanto invocato aggiornamento

1
CONDIVISIONI

La notizia delle scorse ore più importante nel mondo smartphone si concentra sulla decisione da parte di Google di chiamare “Android 10” la prossima versione del sistema operativo mobile, con la possibilità di passare dalla teoria alla pratica oggi 23 agosto grazie ad un video incentrato sul Samsung Galaxy S10. Pochi giorni fa su queste pagine abbiamo parlato dei tempi necessari affinché il produttore coreano riesca a rendere disponibile il pacchetto software, ma qui è possibile fare uno step in più.

In particolare, un nuovo video ci mostra il potenziale di Android 10 a bordo del Samsung Galaxy S10. Soprattutto dal punto di vista delle gesture. Con uno switch verso l’alto dalla parte inferiore dello schermo avremo modo di arrivare alla schermata principale, uno switch dal lato sinistro o destro del display avrà la stessa funzione del pulsante Indietro. Infine, scorrendo verso l’alto dal basso e tenendo premuto il dito sul display, avremo modo di visualizzare il menu multitasking. 

Secondo quanto riportato fino a questo momento da una fonte come Sammobile, Samsung sembra aver adottato le gesture di navigazione di Google, rinunciando in questo modo alla propria implementazione. Tuttavia, è altrettanto importante considerare che alcuni degli elementi dell’interfaccia utente nel menu delle gesture non sembrano essere stati ancora aggiornati. Insomma, working in progress, ma con il contributo di oggi possiamo farci un’idea più chiara di quello che sta avvenendo per il Samsung Galaxy S10.

Ci sono poi alcune funzioni e l’interfaccia che fino ad oggi hanno reso unico il Samsung Galaxy Note 10, la cui uscita in Italia si è avuta soltanto oggi. In ogni caso, per avere un’idea più chiara di quello che stiamo dicendo sul Samsung Galaxy S10, vi rimandiamo al video che segue.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.