Hugh Laurie torna in tv con Roadkill, il thriller politico firmato da David Hare

Hugh Laurie torna in tv nei panni di un politico dai mille segreti e nemici

In attesa di vederlo sugli schermi italiani tra i protagonisti de I Medici 3 (se i rumors saranno confermati), Hugh Laurie è pronto a lanciarsi in una nuova avventura. Proprio nelle scorse ore è stato annunciato che l’amato Dr House tornerà a mettere le mani in pasta in tv per il thriller politico firmato da David Hare, Roadkill.

In particolare, il premiato attore interpreterà un ministro conservatore in un una nuova serie per BBC One scritta da David Hare (Collateral) e prodotta da The Forge (Collateral, National Treasure, Kiri). Secondo i primi dettagli rivelati proprio dalla rete, sembra che Roadkill sia un thriller immaginario in quattro parti su un politico che si è fatto da sé, forte e carismatico chiamato Peter Laurence (Hugh Laurie).

La sua vita privata, così come quella pubblica, crollano quando i suoi nemici decidono di punirlo e colpirlo duramente. Mentre le rivelazioni personali si sviluppano a spirale, privo di sensi di colpa o rimorso, riesce a camminare abilmente su un filo spinato tra gloria e catastrofe mentre cerca di promuovere il suo programma e andare avanti con la sua carriera. Tuttavia, gli eventi mostrano quanto sia difficile, sia per un individuo che per un Paese, lasciarsi alle spalle il passato. Riuscirà Peter Laurence a mettere da parte i suoi segreti e arrivare fino in fondo?

Il creatore David Hare si occuperà anche della produzione esecutiva e si è detto felice di tornare a lavorare con Hugh Laurie dopo la loro esperienza insieme ormai trent’anni fa:

“Ho lavorato con lui nel 1987, quando ha lasciato la sua strada di comico abile per seguire quella di attore drammatico imponente. Non vedo l’ora di vederlo incarnare il futuro immaginario del partito conservatore in Roadkill”.

Roadkill sarà diretto da Michael Keillor (Line Of Duty, Strike, Chimerica) e i produttori esecutivi sono il creatore David Hare, George Faber e Mark Pybus per The Forge, Lucy Richer per la BBC e Michael Keillor.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.