Quale futuro per Marvel’s Spider-Man dopo l’accordo tra Insomniac e Sony?

La partnership tra gli sviluppatori e il publisher nipponico potrebbe cambiare equilibri precostituiti o aiuterà il franchise a spiccare ancor di più il volo?

1
CONDIVISIONI

L’arrivo in esclusiva su PS4 di Marvel’s Spider-Man poteva essere considerato come una piccola anticipazione di quello che sarebbe accaduto nel corso dei dodici mesi successivi. Come ormai ben risaputo, Insomniac Games e Sony si sono unite in un matrimonio da cui di certo non mancheranno d’arrivare interessanti pargoletti, e ovviamente uno dei punti caldi di questa acquisizione da parte del colosso nipponico è proprio quello legato all’amichevole Uomo Ragno di quartiere.

Un vero e proprio successo straripante quello che ha travolto Marvel’s Spider-Man, capace di far registrare incassi particolarmente interessanti – soprattutto considerando il fatto che il titolo è arrivato sul mercato in veste di esclusiva PS4 – e con un futuro che promette nuove e sfavillanti avventure.

Certo, c’è da considerare il cambio di “posizione” di Insomniac, che da lavorare “con” Sony si ritrova ora a lavorare “sotto” Sony. Una variazione che ovviamente va accuratamente valutata, dal momento che lo stato di subordinazione dello studio di sviluppo al publisher ne mina quell’indipendenza di cui il team si è sempre vantato e fatto forte.

Certo, gli ultimi due decenni hanno sostanzialmente rappresentato per Insomniac una sorta di partnership esclusiva, vista la grandissima mole di titoli approdati sulle diverse piattaforme del publisher dagli occhi a mandorla. Quindi in sostanza questo cambio di status non dovrebbe incidere in alcuna maniera sul futuro di Marvel’s Spider-Man inteso come brand.

Dal canto suo Sony non ha di certo alcuna intenzione di cambiare equilibri stratificatisi nel corso degli anni, con i vertici della compagnia che si riguarderanno bene dall’imporre condizioni a una squadra che ha sempre lavorato bene in assoluta autonomia decisionale, portando risultati concreti e palpabili tanto in termini qualitativi all’interno delle produzioni, che quantitativi all’interno delle casse.

Cosa vuol dire quindi questa acquisizione per Marvel’s Spider-Man 2? Di sicuro la possibilità di attingere a risorse economiche e strutturali migliori rispetto al passato, con Sony che non mancherà di offrire tutto il supporto possibile a Insomniac per essere sicura di portare sugli scaffali il miglior prodotto possibile legato alle gesta del ragnetto.

Chiaramente siamo ancora lontani dall’esordio di un secondo capitolo sul mercato: la strada è ancora lunga e di cose da fare ce ne sono parecchie prima di veder svolazzare l’alter ego di Peter Parker per i cieli digitali di Manhattan, ma le premesse sono senza dubbio più che entusiasmanti in vista del futuro.

Fonte

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.